JOHN CAGE: TECNICA E POETICA

da martedì 11 a giovedì 13 luglio

Salone del Conservatorio

JOHN CAGE: TECNICA E POETICA

Masterclass e concerti a cura di Giancarlo Simonacci

 

Martedì 11 luglio

SONATE E INTERLUDI

Giancarlo Simonacci, pianoforte

Preparazione del pianoforte ore 16

Inizio concerto ore 19.30

 

Mercoledì 12 e giovedì 13 luglio

dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

MASTERCLASS

a cura del M° Giancarlo Simonacci

Iscrizioni aperte fino ad esaurimento posti per pianofortre, percussioni, voce, violino. Per i partecipanti esterni al Conservatorio di Monopoli la quota di frequenza è di € 60 per gli effettivi, € 20 per gli uditori da versare sul CCP n.13800743 intestato al Conservatorio di Musica "N.Rota" di Monopoli (Causale: Masterclass Simonacci)

Per ulteriori informazioni e iscrizioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare i numeri 389.9768558 (Francesco Negro) o 328.3284102 (Alberto Stefanizzi)

 

Giovedì 13 luglio

CONCERTO DEI PARTECIPANTI

Inizio concerto ore 19.30

ingresso libero

 

Giancarlo Simonacci, pianista e compositore, è nato a Roma dove ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “Santa Cecilia”. Si è perfezionato con Aldo Clementi per la composizione e con Carlo Zecchi per il pianoforte al Mozarteum di Salisburgo. Svolge attività come solista, stabilmente in duo con la pianista Gabriella Morelli e quale collaboratore di vari cantanti e strumentisti. Come autore e interprete è presente nei più importanti festival e istituzioni concertistiche internazionali. Le sue composizioni sono pubblicate da BMG Ricordi, Edipan, Rugginenti e Accord for Music.
La Silence Records ha realizzato un CD interamente dedicato alla sua opera pianistica, interprete Francesco Negro. Ha registrato per la CRI, Edipan, Fonotipia, RCA, Domanimusica, Mr Classics, Irtem, AFM, Atopos e Twilightmusic.
Di rilievo le incisioni per la Brilliant Classics dedicate a John Cage (14 CD racchiusi in 5 cofanetti) favorevolmente accolte dalla critica italiana (Messaggero, La Repubblica, La Gazzetta di Parma, La Stampa, Musica, Suonare News, Amadeus, Classic Voice etc.) ed internazionale (ABC, Magazine Klassics, Piano, Le monde de la Musique, Diapason, Scherzo, BBC Music Magazine, Los Angeles Times, etc.). Sempre per la Brilliant Classics ha inciso l’integrale pianistica di Ildebrando Pizzetti (2 CD) e l’integrale per violoncello e pianoforte di Morton Feldman (2 CD) con suo figlio Marco e un CD con composizioni per pianoforte a 4 mani di Giulio Ricordi (duo G. Morelli – G. Simonacci).
Per oltre 40 anni ha insegnato pianoforte principale nei conservatori di musica di Sassari, Frosinone e Roma.
Ha tenuto numerose masterclasses, seminari e conferenze in Italia, Spagna e Austria.

 

Cage-conservatorio

MASTERCLASS DI CLARINETTO

da martedì 27 a giovedì 29 giugno

 dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

MASTERCLASS DI CLARINETTO

di Shirley Brill

Martedì 27 e mercoledì 28: aula 16

giovedì 29: aula 19

brill copialogo marangi leggero

 

La carriera di Shirley Brill è stata lanciata con una performance come solista con l'Israel Philharmonic Orchestra diretta da Zubin Mehta. Da allora ha suonato con varie orchestre internazionali, come il Deutsches Symphonie Orchester alla Berliner Philharmonie, l'Hamburger Symphoniker diretta da Jeffrey Tate, l'Orchestra Sinfonica del Teatro Nazionale di Praga presso la Kölner Philharmonie, l'Orchestra da Camera di Ginevra, l'orchestra sinfonica della Radio polacca e la Jerusalem Symphony Orchestra. Recentemente si è esibita come solista con la Münchner Symphoniker alla Philharmonie im Gasteig.

E'stata vincitrice del Concorso Internazionale di Ginevra in Svizzera (2007), del Concorso Internazionale di Markneukirchen in Germania (2006), nonché del premio speciale al Concorso Internazionale ARD di Monaco di Baviera.

Shirley Brill si è esibita in festival internazionali come la BBC Proms in Inghilterra, di Radio France a Montpellier Festival, la Schubertiade in Austria, il Festival di Davos in Svizzera e il Festival Internazionale di Musica da Camera di Gerusalemme in Israele. In Germania si è esibita al Festival dello Schleswig-Holstein, al Festival di Rheingau, al Heidelberger Frühling e, più di recente, al Mecklenburg Vorpommern Festival.

La signora Brill ha collaborato con artisti del calibro di Daniel Barenboim, Sabine Meyer, Emmanuel Pahud, Janine Jansen, Tabea Zimmermann, il Jerusalem String Quartet, il Fauré Piano Quartet e il Trio di Clarone. Si esibisce regolarmente con il pianista Jonathan Aner come membro del Brillaner Duo, suonando in sale prestigiose come la Carnegie Hall di New York, Tonhalle di Zurigo, Oriental Art Center di Shanghai e il Beethoven-Haus di Bonn.

Dopo aver studiato in Israele con il signor Yitzhak Katzap, la Brill ha proseguito i suoi studi presso la Musikhochschule di Lubecca in Germania con Sabine Meyer e presso il New England Conservatory di Boston, Stati Uniti d'America con Richard Stoltzman.

Dal 2012 Shirley Brill ha insegnato presso l'Accademia di Musica “Hanns Eisler” di Berlino e nel 2016 è diventata membro di facoltà presso la Barenboim-Said Akademie.

 

 

MASTERCLASS DI MUSICA DA CAMERA

mercoledì 28  giugno 2017

Aula 19 del Conservatorio

Masterclass di musica da camera di Gabriele Pieranunzi

orari di svolgimento della masterclass: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20.30

 

 

 

pieranunzi copia

Per il talento precoce e per le non comuni doti naturali di strumentista e di interprete, Gabriele Pieranunzi si è imposto presto all’attenzione del pubblico e della critica come uno dei migliori violinisti della sua generazione.

Tra le numerose affermazioni in concorsi internazionali che hanno caratterizzato il suo ingresso sulla scena musicale spiccano due premi al Concorso”N.Paganini” di Genova (rispettivamente nel 1988, 4° premio, e 1990, 3° premio) e altri riconoscimenti in competizioni di grande prestigio come “Tibor Varga” di Sion (1993) lo “L.Spohr” di Friburgo (1994), il “R.Romanini” di Brescia (1993), il “G.B.Viotti di Vercelli (1986), il “R.Lipizer” di Gorizia (1993) ed il “Biennale di Vittorio Veneto”(1990). Diplomatosi a sedici anni sotto la guida di Arrigo Pelliccia si è poi perfezionato con Salvatore Accardo presso l’Accademia Stauffer di Cremona, Franco Gulli e Stefan Gheorghiu.Nel corso della sua brillante carriera di solista ha suonato con direttori come Aldo Ceccato, Alun Francis ,Lu Jia, Jeffrey Tate, Piero Bellugi, Mattias Bamert, U.Benedetti Michelangeli, Anton Nanut, Julian Kovatchev, Nicolas Cleobury, Gianandrea Noseda, Vladimir Fedoseyev,e collaborato,in ambito cameristico, con Boris Belkin,Bruno Canino, Alfons Kontarsky, Rocco Filippini, Franco Petracchi, Nelson Goerner, Alain Meunier, Bruno Giuranna, Laura de Fusco, Rainer Kussmaul, Roberto Cominati, Alessandro Carbonare.

Invitato più volte dal Comune di Genova a suonare il famoso Guarneri del Gesù “Il Cannone” appartenuto a N.Paganini, è ospite regolare delle più importanti istituzioni concertistiche italiane come Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Accademia Chigiana di Siena ,Teatro Regio di Torino, Teatro Carlo Felice di Genova, Orchestra Sinfonica”Verdi” di Milano,Teatro Comunale di Bologna,Teatro di San Carlo di Napoli (suonando sotto la bacchetta del M°J.Tate il Concerto di K.Weill e la Tzigane di Ravel) ,Festival dei Due Mondi di Spoleto, Settimane Internazionali di Musica da Camera a Villa Pignatelli di Napoli e Settimane Musicali di Stresa nell’ambito delle quali nel 2000 ha eseguito l’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven: e di istituzioni estere quali Herculeesaal di Monaco di Baviera, Baden Baden Philarmonie, Rtsi di Lugano, Festival Bemus di Belgrado, Filarmonica G.Enescu di Bucarest, Wigmore Hall di Londra (Canino and Friends), City of Birmingham Symphony Orchestra, Bournemouth Symphony Orchestra ,Franz Liszt Chamber Orchestra di Budapest, Malmoe Symphony Orchestra, Opera City Hall di Tokyo, Teatro Coliseum di Buenos Aires.

Dal 2004, con incarico conferitogli per chiara fama, è primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli.

Raffinato interprete di musica da camera, Pieranunzi ha al suo attivo su CD:

l’integrale dei quartetti per pianoforte ed archi di Gabriel Fauré con il pianista Maurizio Baglini (allegato al numero di Febbraio 2006 della rivista “Amadeus”);

I quintetti per clarinetto ed archi di Mozart e Brahms col clarinettista A.Carbonare (allegato al numero di aprile 2007 della rivista “Amadeus”);

l’integrale dei Quartetti per pianoforte ed archi di F. Mendelssohn in due volumi ( 2012 -2014) per Decca, con il pianista Roberto Prosseda.

Il 2° cd download allegato alla rivista Amadeus nel numero di Agosto 2014 con una registrazione live effettuata con Alfons Kontarsky, piano, Francesco Fiore, viola e Rocco Filippini, cello, comprendente il quartetto per pf. ed archi di Mozart K 478, il Quartetto per pf ed archi di R. Schumann op.47 ed il trio per archi di F. Schubert D 581.

Il concerto di Kurt Weill per vl. e fiati op. 12 sotto la direzione di Jeffrey Tate ed i fiati del San Carlo per l’etichetta Concerto Classics. CD completato con i trii per vl. cl. e pf. di Milhaud ( Suite) e Stravinsky ( Histoire du soldat) con Enrico Pieranunzi, pianoforte e Alessandro Carbonare, clarinetto

Suona su un violino Ferdinando Gagliano del 1762 appartenuto alla grande violinista Gioconda De Vito e gentilmente prestatogli dalla Fondazione Pro Canale Onlus.

MASTERCLASS DI PERCUSSIONI

da mercoledì 14 a venerdì 16 giugno

Masterclass di percussioni di Carmelo Giuliano Gullotto

Percussionista tastierista dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI

Il repertorio lirico-sinfonico per le percussioni

a suono determinato e indeterminato

La masterclass si svolgerà nei seguenti giorni ed orari:

Mercoledi 14 Giugno dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

Giovedi 15 Giugno dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

Venerdi 16 Giugno dalle 10 alle 14

Docente referente: M° Stefano Baldoni

La quota di frequenza, prevista solo per gli studenti esterni al Conservatorio, è di € 100 per i partecipanti effettivi e di € 50 per i partecipanti uditori da versare sul c/c 13800743 intestato al Conservatorio Rota Monopoli (causale “Masterclass Gullotto”). Per gli allievi interni riconoscimento crediti in base alle ore svolte.

La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   entro lunedi 12 giugno, indicando il nominativo del richiedente e gli estremi del versamento.

web

Dopo aver intrapreso lo studio del pianoforte con il padre, Carmelo Giuliano Gullotto si è diplomato con il M° Franco Campioni presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano nel luglio 1993.

Comincia, dal 1994, un’ intensa collaborazione col Teatro alla Scala di Milano che lo vedrà coinvolto come membro ufficiale del gruppo ” I percussionisti della Scala” e nel 2001 vince il Concorso Internazionale per il posto di percussionista-tastierista presso l’ Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino.

Oltre al repertorio orchestrale ” classico” consolidatosi In Rai dal 2001 a tutt’oggi, con concerti settimanali trasmessi in diretta radiofonica nazionale ed europea – nonché le riprese televisive- vanta solida esperienza nel settore della musica ” contemporanea” grazie alla costante ed imponente produzione svolta dall’ Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai tramite le stagioni di Rai Nuova Musica, Torino Settembre Musica, MiTo.
E’ stato selezionato come docente per il primo progetto “Youtube Symphony Orchestra” insieme a membri della London Symphony Orchestra e dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Ha partecipato alla trasmissione “Petroushka” , condotta dal Maestro Michele Dall’Ongaro e trasmessa regolarmente su Rai 5, per spiegare al pubblico l’utilizzo delle percussioni a suono determinato – Xilofono, Glockenspiel, Vibrafono e Marimba- nel repertorio sinfonico.
Oltre a queste esperienze solistiche ed orchestrali, nell’ aprile-maggio 2005 insieme ai percussionisti Will Hudgins – Boston Symphony orchestra- Ted Atkatz – Chicago Symphony Orchestra- Tim Genis – Principal Timpanist In Boston Symphony Orchestra- e Don Liuzzi – Philadelphia Orchestra, è stato invitato, come unico rappresentante europeo, in qualità di docente, al ” The Music Academy of the West Orchestral Percussion Seminar” – in Santa Barbara, California- patrocinato dalla Zildjian and Yamaha international corporation, Svolge, altresì, intensa attività in qualità di percussionista, batterista e vibrafonista in diversi ensemble di musica jazz, latin, pop e rock.

MASTERCLASS DI FAGOTTO BAROCCO

MASTERCLASS DI FAGOTTO BAROCCO


a cura del Maestro Marcello De Giuseppe

docente della classe di fagotto del Conservatorio Nino Rota di Monopoli.

 

Il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli organizza una masterclass di fagotto barocco tenuta dal M° Marcello De Giuseppe, in cui sarà possibile approfondire e/o avvicinarsi all’approccio tecnico allo strumento antico (pratica della tecnica di base, diteggiature, ance, etc.) storia dello strumento e repertorio, prassi interpretativa della musica barocca.
 
Le lezioni sono rivolte sia agli studenti (anche dei primi anni), che ai diplomati in fagotto che abbiano voglia di approcciarsi o perfezionare la conoscenza della prassi filologica della musica antica. Tutto il necessario (ance, strumento barocco, parti) sarà messo a disposizione di chi non disponga di materiale proprio. Sarà possibile anche suonare con lo strumento moderno.La masterclass si svolgerà nei mesi di Giugno - Luglio - Settembre ed Ottobre nei seguenti giorni e orari (giovedì e sabato, 9:00-13:00 / 15:00-19:00). Gli interessati dovranno preventivamente prendere contatto con il docente, mediante e mail o chiamata, per concordare giorno e orario di lezione. e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
recapito telefonico: 339 345 08 09 (anche sms o whatsapp)La quota di frequenza prevista per gli studenti esterni al Conservatorio è di € 100 per i partecipanti effettivi, € 50 per gli uditori da versare sul c/c 13800743 intestato al Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli, causale: “Masterclass fagotto barocco”. La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro venerdì 15 Settembre, indicando il nominativo del richiedente e gli estremi del versamento.

PDF Masterclass fagotto barocco

LO ZEN E L'ARTE DI SUONARE UNO STRUMENTO

Da giovedì 1 a sabato 3 dicembre 2016 sarà ospite del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli  il Maestro ALFREDO TREBBI. 
Il Maestro terrà degli incontri sul tema  


“LO ZEN E L’ARTE DI SUONARE UNO STRUMENTO”

Per strumentisti ad arco (e non solo…)


L’appuntamento è fissato nel Salone del Conservatorio Nino ROTA nei giorni:
Giovedì 1 dicembre 2016 dalle ore 16,00 alle ore 19,00
Venerdì 2 dicembre dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e dalle ore 14,00 alle ore 17,00
Sabato 3 dicembre dalle ore 9,00 alle ore 13,00

Per l’incontro di Giovedì 1 dicembre si consiglia di portare il proprio strumento

locandina trebbi

MASTERCLASS CRISTIANO ROSSI

Nei giorni lunedì 24, martedì 25 e mercoledì 26 ottobre 2016 si svolgerà, nel Salone del Conservatorio con orario 10-13 e 15-18, la 

MASTERCLASS DI VIOLINO del M° CRISTIANO ROSSI 

La masterclass, riservata agli allievi interni del Conservatorio, prevede la possibilità di frequenza SOLO COME UDITORI per allievi esterni, previo versamento della quota di iscrisione di € 50 sul  CCP 13800743 intestato al Conservatorio di Musica "Nino Rota" - Monopoli, indicando come causale "Frequenza Masterclass Rossi" entro e non oltre venerdì 21 ottobre p.v.

 

Cristiano-Rossi

 

CRISTIANO ROSSI discende da una famiglia di artisti bolognesi, ed inizia precocissimo, a nemmeno cinque anni, lo studio del Violino con una tale convinzione che lo porta a diplomarsi, a soli 16 anni, al Conservatorio di Bologna alla Scuola di Sandro Materassi.

Intraprende subito l'attività concertistica vincendo importanti concorsi nazionali e internazionali, come Vittorio Veneto e Monaco di Baviera.

A 18 anni, nel 1965, incide i suoi primi due dischi per la Erato di Parigi, attività discografica proseguita poi per la Emi, Dynamic e Naxos con numerosi CD dedicati a differenti periodi storici, da Vivaldi a Busoni, da Campagnoli a Wolf-Ferrari.

Cristiano Rossi ha al suo attivo innumerevoli recital ed importanti concerti in tutte le città italiane, in Europa, Sud America, Stati Uniti e Giappone, per i Teatri più prestigiosi come Barbican Centre di Londra, Bunka Kaykan di Tokyo, Sala Tchaikovsky di Mosca, Filarmonica di S. Pietroburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Tonhalle di Zurigo.

Ha partecipato ai Festival lnternazionali di Venezia, Stresa, Spoleto, Varna, Istanbul, Dubrovnik, suonando con famosi direttori quali Ahronovitch, Chailly, Oren, Pesko, Renzetti, Soudant, Delman.

È stato invitato a partecipare a numerose e importanti manifestazioni: per l'Unicef, per il Bicentenario degli Stati Uniti (1976) con un recital alla Casa Bianca, per le Celebrazioni Colombiane (1992) a Genova, suonando il famoso "Cannone" di Paganini, a Castelgandolfo alla presenza di S.S. Papa Giovanni Paolo II, in Piazza Maggiore a Bologna nel 1995 e 1997 per i Concerti commemorativi del 2 Agosto, ed ha ricevuto vari prestigiosi Premi fra i quali il "Diapason d'Oro" della Rai.

Numerose sono le sue registrazioni di concerti pubblici radiotelevisivi per la RAI, BBC, RSI, DRF ecc.

Docente di Violino al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze per oltre vent'anni, attualmente si dedica a Corsi di Perfezionamento per giovani concertisti, invitato da prestigiose Accademie Musicali quali l'Accademia Pianistica di Imola, Asteria di Milano, Tadini di Lovere, Accademia Musicale di Firenze, ecc.

 

 

 

 

Masterclass di batteria

MASTERCLASS DI BATTERIA

DI AGOSTINO MARANGOLO

la masterclass è aperta anche agli studenti esterni al Conservatorio

 

 

La quota di frequenza, prevista solo per gli studenti esterni, è di € 100 per  i partecipanti effettivi, € 50 per i partecipanti uditori da versare sul c/c 13800743 intestato a Conservatorio Rota Monopoli - causale “Masterclass Marangolo”. Per gli allievi interni riconoscimento crediti in base alle ore svolte.

 

La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  entro giovedì 20 ottobre 2016, indicando il nominativo del richiedente e gli estremi del versamento.

 

 

Lunedì 24 e martedì 25 ottobre 2016

 

Aula di percussioni, dalle 12 alle 18

Agostino Marangolo nasce a Catania il 25 giugno del 1953, in una famiglia di musicisti (il fratello è il sassofonista Antonio Marangolo), ha vissuto ad Acireale. Forma nel 1969 il suo primo gruppo i Flea on the honey, successivamente suona con gli Etna, nel 1974 entra a far parte dei Goblin (al posto di Walter Martino, e con Claudio Simonetti e Massimo Morante), gruppo ricordato per le tante colonne sonore di film horror (fra i quali Suspiria, Zombi). Vi resterà fino al 1980. Nello stesso anno collabora con i "New Perigeo", con Giovanni Tommaso, Danilo Rea, Maurizio Giammarco e Carlo Pennisi.

Nel 1976 incide alcuni brani con la band napoletana Napoli Centrale, brani che poi entreranno a far parte del loro secondo album Mattanza.

Collabora con Pino Daniele per le registrazioni degli album Pino Daniele (1979), Nero a metà (1980) e Musicante (1984), ed inoltre partecipa a diverse sue tournée (Sció live (1984) - Ricomincio da 30 - 2008).

Agostino Marangolo è endorserEvans per le pelli della sua batteria.

Ha collaborato anche con Bruno Lauzi, Angelo Branduardi, Antonello Venditti, Edoardo Bennato, Niccolò Fabi, Bungaro.

Discografia da turnista

1976: Roller dei Goblin

1976: Mattanza dei Napoli Centrale

1977: Suspiria dei Goblin

1978: Zombi dei Goblin

1979: Pino Daniele di Pino Daniele

1979: Buona domenica di Antonello Venditti

1979: Maida Vale di Stradaperta

1980: Nero a metà di Pino Daniele

1981: Uh Mammà di Mimmo Cavallo

1984: Colore/Belle le tue labbra di Luca Barbarossa (45 giri)

1984: Musicante di Pino Daniele

1984: Sció live di Pino Daniele

1986: Quando si vuole bene di Riccardo Cocciante

1990: Il ladro di Angelo Branduardi

2003: La cura del tempo di Niccolò Fabi

2005: Back to the Goblin dei Goblin

2006: Novo Mesto di Niccolò Fabi

2007: Controvento di Roberto Tardito

2011: Retrospettiva di Roberto Tardito

2013: Tutta n'ata storia - Vai mo' - Live in Napoli di Pino Daniele

 

 

 

locandina marangolo 

 

 

 

 

Seminario e lezioni del M° Petr Plany

17-19 ottobre 2016

Salone del Conservatorio

L'OPERA ORGANISTICA DI BEDRICH ANTONIN WIEDERMANN

(1883/1951)

 

SEMINARIO E LEZIONI A CURA DEL M° PETR PLANY

(Palacky Univesity Olomouc)

ore 9-12

 

Petr Plany - COL

 

 

 

 

MASTERCLASS PIANISTICA

Nei giorni 14 - 15  e  17 Ottobre 2016 si svolgerà la masterclass pianistica di MASSIMILIANO FERRATI, apprezzato concertista e didatta di livello internazionale. La masterclass, i cui orari di svolgimento sono in via di definizione, prevede venerdì 14 un concerto del Docente ospite.

Ferrati tastiera lato destro

PROGRAMMA RECITAL 14 OTTOBRE 2016

Salone del Conservatorio, ore 20

 

W.A.Mozart: Sonata in la minore k310

L. van Beethoven: Sonata op.57 "Appassionata"

F.Chopin: Sonata n°3 in si minore op.58

INGRESSO LIBERO

 

Laureato in numerosi concorsi pianistici internazionali della Federazione di Ginevra, Massimiliano Ferrati annovera tra i suoi riconoscimenti premi a: “Arthur Rubinstein” International Piano Competition di Tel Aviv (Israele) – Bronze State Medal e premio speciale della Elfriede Yuki Fund, “Guardian (AXA) International Piano Competition” di Dublino, l’“Esther Honens” International Piano Competition di Calgary (Canada), il Concorso Pianistico Internazionale “F. Busoni” di Bolzano (anche premio speciale per la migliore esecuzione del brano di Busoni), il Concorso Pianistico Internazionale “A. Casagrande” di Terni (anche premio speciale per la migliore esecuzione de “I segni dello zodiaco” di Casagrande), il Concorso Pianistico Internazionale “Rina Sala Gallo” di Monza (Grand Prix – Primo premio all’unanimità) e l’“UNISA” International Piano Competition di Pretoria Sud-Africa (premio speciale per la migliore esecuzione del brano di autore russo), nonché premi in giovane età nei più importanti concorsi pianistici nazionali tra cui, nel 1990, l’Amadeus Giovani di Palermo (grazie al quale, a soli vent’anni, è stato selezionato da Paul Badura-Skoda, che lo definì un “grande talento mozartiano”, per l’incisione di un CD con musiche di W.A.Mozart pubblicato con la rivista Applausi nel 1994), il Premio Venezia, il Clementi di Firenze, il Bramanti di Forte dei Marmi (al quale è stato recentemente anche membro della giuria, nel ventennale della sua vittoria alle due edizioni consecutive del 1988 e del 1990), il Mozzati di Milano, la Società Umanitaria di Milano.
     Massimiliano Ferrati ha tenuto concerti e recitals in rinomati teatri e sale da concerto in Italia e all’estero, tra cui: Milano alla Sala "G. Verdi" del Conservatorio, Torino all’Auditorium della RAI, Venezia al Gran Teatro "La Fenice", Trieste al Teatro Comunale “G. Verdi”, Varsavia alla Philharmonia di Stato, Amburgo alla Musik-Halle, Napoli al Teatro delle Palme e al Teatro San Carlo, Salisburgo alla Wiener-Saal, Calgary alla Jack Singer Concert Hall, Dublino alla National Concert Hall, Londra alla Purcell Room, Roma all’Auditorio di via della Conciliazione dell’Accademia “S. Cecilia”, New York al Mannes College, Parigi alla Salle Cortot, Tel Aviv al Mann Auditorium.
      Si è esibito con numerose orchestre tra cui la Calgary Philharmonic Orchestra, l’Ensamble Gli Archi della Scala, la Israel Philharmonic Orchestra, la Moscow Symphony Orchestra, National Symphony Orchestra of Ireland, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra “Haydn” di Bolzano e Trento, l’Orchestra di Roma e del Lazio, la Roma Sinfonietta, l’Orchestra da Camera Slesiana, l'Orchestra Filarmonica Marchigiana.
      Ha collaborato con direttori d’orchestra quali Mario Brunello, Mendi Rodan, Anton Nanut, Gabriele Bonolis, Alexei Kornienko, Robert Houlihan, Christoph Eberle Jan Wincenty Hawel.
     Considerato dalla critica uno dei più significativi ed interessanti musicisti italiani della sua generazione, all’attività solistica affianca quella cameristica, collaborando con importanti artisti come David Garrett, Danilo Rossi, Alessandro Carbonare, Sergey Ostrovsky, Stefano Furini, Jacopo Francini, Fabio Paggioro, Luca De Muro, Simone Tieppo, Daniele Roccato, Davide Simoncini e rinomate formazioni da camera tra le quali il St. Lawrence String Quartet, l’Aviv String Quartet, il Quartetto d'Archi del Teatro San Carlo di Napoli, i Solisti dell’Orchestra d’Archi Italiana, il Trio Rachmaninoff, il TrioLogìa, il Trio Veneto.
    Invitato in prestigiosi festival e ospite di alcuni fra i più importanti enti concertistici tra cui l’Accademia Santa Cecilia di Roma, gli Amici della Musica di Mestre, gli Amici della Musica di Novara, gli Amici della Musica di Padova, Asolo Musica – Festival Internazionale di Musica da Camera Incontri Asolani, l’Associazione Alessandro Scarlatti e la Fondazione del Teatro San Carlo di Napoli, l’Ente Autonomo Gran Teatro La Fenice, il Festival delle Nazioni di Città di Castello, la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma, la Fondazione Teatro Lirico "G. Verdi" di Trieste, l’International Keyboard Institute & Festival di New York (IKIF), Musica Insieme di Bologna, il Rossini Opera Festival di Pesaro, le Serate Musicali e la Società dei Concerti di Milano, Kfar Blum Music Festival, Upper Galilee Chamber Music Festival, la Teatri S.p.A. - Fondazione Cassamarca di Treviso, l’Unione Musicale e la Polincontri Classica di Torino, l’Università di Tor Vergata di Roma, l’Università di Padova, si dedica anche alla didattica, tenendo Masterclass in Italia e all'estero: "Steinway Society" di Verona, "Showa University" di Tokyo, Accademia Nazionale "P.I.Ciaikowskij" di Kiev, International Keyboard Institute & Festival di New York, "Civica Scuola delle Arti" di Roma ed è invitato come membro di giuria in importanti concorsi pianistici nazionali ed internazionali tra cui il Concorso Pianistico Internazionale "A.Casagrande" di Terni, The Sydney Piano Competition of Australia, il "Marco Bramanti" di Forte dei Marmi, il Concorso Pianistico Internazionale "Luciano Luciani" di Cosenza, il "MacKenzie Scholarship Award" di New York.
    Ha tenuto, in occasione dell’Assemblea Generale della Federazione Internazionale dei Concorsi di Musica con sede a Ginevra, tenuta a Terni nel maggio 2007, un recital con musiche di Alessandro Casagrande e realizzato un CD registrato presso l’Aula Magna dell’Università “La Sapienza” di Roma. Nel 2012 ha pubblicato un CD per la Velut Luna interamente dedicato a Mozart. Del 2013 è invece la pubblicazione di un monografico su Respighi e del 2014 un monografico su Martucci per la Brilliant Classics. Di prossima pubblicazione sempre per la Brilliant Classics altri due monografici su Prokofiev.
     Ha registrato per la TVP (Telewizja Polska S. A.), per la CBC Radio & Television,  per la RTÉ (Radio Telefís Éireann), Canada, per la Bayerischer Rundfunk München, per la  Israel  Radio  Voice  of Music,  per la  BBC Radio, Radio Allegro Johannesburg, per la RAI Radio Televisione taliana-Radio3, Radio Ljubljana, Radio Vaticana, Radio Nacional Argentina, ecc.
     Nato ad Adria (RO) nel 1970 si è diplomato con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale di merito presso il Conservatorio Statale di Musica “A. Buzzolla” di Adria sotto la guida di Mila Zamparo. Alla sua formazione artistica hanno contribuito Maestri quali Fausto Zadra, Bruno Rigutto, Marian Mika, Vladimir Ogarkov, Piero Rattalino. Ha seguito, inoltre, il corso di musica da camera con i Maestri De Rosa, Zanettovich e Baldovino presso la Scuola Superiore Internazionale di musica da camera del Trio di Trieste a Duino. Si è perfezionato con i Maestri Konstantin Bogino presso l’Accademia S. Cecilia di Portogruaro, Paul Badura-Skoda presso l’Accademia Chigiana di Siena e Sergio Perticaroli presso il Mozarteum di Salisburgo e l’Accademia Nazionale “S. Cecilia” di Roma dove ha conseguito il diploma del corso di perfezionamento di pianoforte con il massimo dei voti e la lode.
     Attualmente è docente di Pianoforte Principale presso il Conservatorio Statale di Musica “Agostino Steffani” di Castelfranco Veneto.

MASTERCLASS DE CANDIA

Master Class del  baritono Roberto De Candia
 da mercoledì  21  a sabato 24 settembre 2016
"L'opera settecentesca e Le nozze di Figaro di mozart"
 
Orari: 10-13; 14.30 -  17.30
 
La Master Class, riservata agli allievi interni,  si svolgerà il primo giorno nell'aula 19 proseguendo, nei giorni successivi, nel Salone del Conservatorio.
In corso d'opera si valuterà, d'accordo col maestro De Candia, l'opportunità di concluderla con un saggio-concerto finale, da tenersi nel Salone o eventualmente nel Chiostro il pomeriggio del 24 settembre.
 
de candia
 
 
 

Baritono, Roberto de Candia svolge un’importante carriera internazionale che l’ha condotto sui palcoscenici delle maggiori istituzioni musicali del mondo, fra i quali Teatro alla Scala, Covent Garden, Metropolitan Opera, Wiener Staatsoper, Salzburg Festival, Opera Company di Philadelphia, Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Glyndebourne Festival, Opéra Comique di Parigi, New National Theatre di Tokyo, Opernhaus di Zurigo, Deutsche Oper di Berlino, Bayerische Staatsoper di Monaco, Monnaie di Bruxelles, Nederlandse Opera di Amsterdam, Maggio Musicale Fiorentino, Rossini Opera Festival di Pesaro, Teatro Comunale di Bologna, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Regio di Torino, Teatro Regio di Parma.

Nel corso della sua carriera ha avuto modo di collaborare con direttori, fra gli altri, quali John Eliot Gardiner, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Riccardo Chailly e Giuseppe Sinopoli.

Raffinato interprete rossiniano, Roberto de Candia è regolarmente ospite del Rossini Opera Festival di Pesaro. Dopo il debutto pesarese nel ruolo di Parmenione nell’Occasione fa il ladro (1996), vi è ritornato per interpretare numerose produzioni, fra le quali Il signor Bruschino (Bruschino Padre; 1997), Adina, ovvero il Califfo di Bagdad, Il viaggio a Reims (1999), La Cenerentola (Dandini; 2000) and Il turco in Italia (Poeta Posdocimo; 2002).
Ospire regolare del Teatro alla Scala, vi ha debuttato nella stagione 1996/07 nell’Armide (Ubalde) di Gluck. In seguito ha preso parte a numerose altre produzioni, fra le quali Il turco in Italia (Prosdocimo), Linda di Chamounix (Antonio), Manon Lescaut (Lescaut), La forza del destino (Melitone; anche in tournèe in Giappone nel 2000), Il barbiere di Siviglia (Figaro; 1999, 2002), L’elisir d’amore (Belcore; 1998, 2001), L’Italiana in Algeri (Taddeo; 2003) e Il dissoluto assolto (Leporello; 2006).
Dopo il debutto al Metropolitan nel 1998 con Manon (Lescaut) di Massenet, vi è stato invitato nuovamente sul per interpretare La cenerentola (Dandini), L’elisir d’amore (Belcore), La bohème, Manon, L’italiana in Algeri e Cyrano de Bergerac di Alfano (con Placido Domingo).
Ha inaugurato la stagione 2013/14 interpretando il ruolo del titolo in Falstaff in un tour Giapponese con il Teatro alla Scala, in seguito ha debuttato con grande successo il ruolo del titolo in Don Pasquale alla Finnish National Opera di Helsinki ed è tornato sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli di Bari per una nuova produzione di Falstaff firmata da Luca Ronconi. Ha interpretato inoltre La Cenerentola (Dandini) al Cartagena Festival de Musica, Don Giovanni (Leporello) all’Opera di Tenerif, Il mondo della luna (Bonafede) all’Opéra de Montecarlo, La bohème (Marcello) al Teatro Carlo Felice di Genova e Madama Butterfly alla Cincinnati Opera.
Ha inaugurato la stagione 2014/15 interpretando Fra Melitone ne La forza del destino al Festival Verdi di Parma. In seguito ha interpretato sia il ruolo di Falstaff che quello di Ford all’Opera di Firenze con la direzione di Zubin Mehta, L’elisir d’amore (Dulcamara) a Modena e Don Giovanni (Leporello) a Piacenza e Modena, L’elisir d’amore (Dulcamara) al Teatro Regio di Parma, Don Pasquale (title role) al Liceu de Barcelona, Il barbiere di Siviglia (Figaro) al Teatro Regio di Torino.
Fra i suoi prossimi impegni, il ruolo del titolo in Don Pasquale alla Finnish National Opera di Helsinki, il debutto nel ruolo de Il Conte di Almaviva ne Le Nozze di Figaro al Teatro Regio di Parma, Falstaff (title role) al Teatro San Carlo di Napoli, alla San Diego Opera e al NCCP di Beijing sotto la bacchetta del M° Zubin Mehta, Fedora (De Siriex) al San Carlo di Napoli, Cyrano (Raguenau) al MET di New York.

La sua vasta discografia include Corradino di Galante, Saffo di Pacini, Messa di Gloria di Mascagni, La cenerentola (ROF Edition), oltre a Il turco in Italia (vincitore del Gramophone Award) e La bohème, in entrambi i casi con la direzione di Riccardo Chailly per la Decca.

Dopo aver iniziato gli studi come violoncellista, ha studiato canto sotto la guida di Lajos Kozma e si è poi formato e perfezionato con Sesto Bruscantini. Vincitore del Concorso Internazionale “A. Belli” di Spoleto nel 1990, subito dopo ha compiuto due prestigiosi debutti, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Messa di Gloria di Puccini) e al Teatro Regio di Parma (Manon di Massenet).

Recentemente è stato interprete del Conte Nelle Nozze di Figaro al teatro Regio di Parma, ottenendo un personale successo.

 

MASTERCLASS pianoforte e musica da camera

da lunedì 12 a mercoledì 14 settembre 2016

Salone e aule del Conservatorio, dalle 10 alle 14   e dalle 16 alle 20

Masterclass di pianoforte di Michal Drewnowski

Masterclass di Musica da camera di Witold Holtz

 (Grazyna and Kiejstut Bacewicz Academy of Music  di Lodz, Polonia)

mercoledì 14  concerto finale degli studenti partecipanti 

 

MD foto 2 copia

Michal Drewnowski nasce a Varsavia nel 1977, in una famiglia di musicisti (il padre Marek è un riconosciuto pianista polacco, la madre Anna violinista). Inizia a suonare il pianoforte all'eta di otto anni (in Italia dove ha vissuto dal 1981 al 1991)sotto la guida dei genitori mostrando subito particolare talento e sensibilita musicale. Intraprende gli studi musicali dopo essere tornato in Polonia nel 1991 nella scuola di musica 'K.Szymanowski' di Varsavia sotto la guida delle Proff.Bronislawa Kawalla ed Ewa Poblocka e da quel momento la musica comincia ad essere tutta la sua vita.

Nel 1995, ancora prima di ottenere il diploma di maturita e ammesso eccezionalmente nell'Accademia di Musica di Lodz dove studia sotto la guida di suo padre Marek ottenendo nel 2001 il diploma con lode.

Nel 2002 e ammesso al Conservatorio di Ginevra dove studia fino al 2005 con illustri Maestri - Dominique Merlet e Pascal Devoyon.

Si e perfezionato con i Maestri Rudolf Kehrer, Naum Shtarkman, Eugene Indjic, Fou T'song.

E stato premiato in diversi concorsi pianistici:

1998 - distinzione speciale al Concorso Internazionale di Individualita Musicali 'A. Tansman” a Lodz.

1998 - I premio al Concorso Internazionale di Musica da Camera 'K. Bacewicz” a Lodz

1998 – premiato al „32 Festival del pianismo polacco” a Slupsk

2000 – II premio al Concorso pianistico internazionale M.Masin a Sangemini

2002 – II premio al Concorso pianistico A.GI.MUS. Finale a Roma

Svolge intensa attivita concertistica in tutta Europa.

In patria ha suonato in particolare con le Orchestre Filarmoniche di Lodz, Cracovia, Orchestra della Radio Polacca a Varsavia. Si esibisce regolarmente in recital solistici e musica da camera in tutta la Polonia partecipando a vari Festival importanti come il Festival del pianismo polacco a Slupsk, Festival di musica contemporanea a Varsavia, Festival Primavera musicale di Cracovia.

Si e esibito in un concerto a 2 pianoforti e percussioni nella celebre Wigmore Hall di Londra, nel 2010 al Palau della Musica Catalana di Barcellona un recital tutto dedicato a F. Chopin per i 200 anni dalla nascita del compositore polacco. Ha suonato a vari festival, particolarmente in Bulgaria al Varna Summer Festival e al Salon of the Art a Sofia, al Festival Chopin di Ginevra, Festival Keminklavier in Finlandia, Concerti al Gianicolo a Roma.

Ha collaborato con importanti musicisti tra i quali i pianisti Ivo Varbanov, Daniel Eibin e Emilian Madey, violinisti Piotr Kwasny (solista della Filarmonica di Danzica) Olivia Jacobson (docente presso il Conservatorio di Ginevra) e il celebre batterista Hristo Yotzov.

Ha lavorato con importanti direttori d'orchestra, tra i quali: Ruben Silva, Vladimir Kiradjev, Emilian Madey, Tadeusz Kozlowski, Stanislav Oushev, Massimiliano Caldi, Alessandro Tortato, Emil Tabakov.

Incisioni CD: per la GEGA NEW , repertorio XX secolo ( Bartok, Arnaoudov, Arutunian, Ari ben Shabetai) per 2 pianoforti e percussioni facendo parte al progetto Voland Quartet: per la DUX un CD con brani per pianoforte di Dominique Loup (compositore contemporaneo svizzero), un CD con brani di Bernstein, Ziegler, Piazzolla, Bragato e Matton per 2 pianoforti; per la ProArt un disco con brani per pianoforte e orchestra di Tadeusz Trojanowski.

Nel 2000 diventa attore-pianista in uno spettacolo teatrale su Frederic Chopin („Chopin, la sua vita, i suoi amori, la sua musica...”) diretto dal famoso regista polacco Adam Hanuszkiewicz ed eseguito quasi cento volte tra il 2000 e il 2002 al Teatr Powszechny di Varsavia.

Michal Drewnowski e docente di musica da camera presso l'Accademia di Musica „G.&K. Bacewicz” di Lodz, docente di pianoforte principale alla Scuola di Musica „Oskar Kolberg” di Radom e docente di vari Masterclass in Polonia e ogni anno in Italia a Sangemini durante il Festival dei Colli.

Il suo repertorio comprende brani di compositori di tutte le epoche con particolare attenzione sulla musica polacca.Oltre alla particolare ammirazione per Frederic Chopin, il pianista promuove molto spesso brani di compositori contemporanei e compositori finiti nel dimenticatoio musicale. Il piu illustre esempio è Tadeusz Majerski, compositore polaccco nato nel 1888 e morto nel 1963, che ha vissuto tutta la sua vita a Leopoli (adesso Ucraina, prima della II guerra mondiale era territorio polacco). Michal Drewnowski ha inciso l'integrale delle sue opere (per pianoforte, musica da camera ed il Concerto per pianoforte) che usciranno in prima mondiale per la casa discografica Toccata Classics con la Royal National Scottisch Orchestra sotto la direzione di Emil Tabakov.

E stato direttore artistico dell'orchestra della Radio Lodz „Filharmonia New Art” dal 2009 al 2011.

 

Witold HOLTZ photo copia 2

 

dr hab. Witold Holtz

Employed at: The Grażyna and Kiejstut Bacewicz Academy of Music in Łódź, Chair of Piano and Chamber Music, position held: adiunkt (Assistant Professor) with a post-doctoral degree (doktor habilitowany) – Head of Chair of Chamber Music.

Education:

1994 – diploma with honours from the Grażyna and Kiejstut Bacewicz Academy of Music in Łódź, piano class of Prof. T. Chmielewski.

2003 – obtained a doctoral degree;

2014 – obtained a post-doctoral degree (doktor habilitowany)

Academic and artistic achievements:

Participated in 15 conferences and academic sessions: “Piano Chamber Music in creative output of Polish 19th and 20th century composers”, “Piano Chamber Music in creative output of French composers”, “Piano Chamber Music in Ibero-American music”, “The unique and original character of piano chamber music by Russian 19th and 20th century composers”, “Chamber pieces by Johannes Brahms”, and many more.

Was involved in the work of Jury of piano and chamber music competitions and gave workshops for piano class and chamber music teachers.

Participated in competitions as a soloist, chamber musician and accompanist: 3rd prize and special prize for the best performance of Mozart’s trio at the Chamber Music Competition in Łódź (1992), prize for the best piano accompanist at the Polish Artistic Song Competition in Warsaw (2003); participated as accompanist in the Queen Elisabeth Vocal Competition in Brussels (2003) and the Moniuszko Competition in Warsaw (2003).

Most important concerts: participated in festivals: AŻ Festival (Łódź), Young Talents’ Festival (Tarnów), Chopin Festival (Łódź), Polish Music Festival in Bourg St. Maurice (France), International Chamber Music Festival in Sokolniki, Łódź Pianists’ tribute to A. Rubinstein, Science, Culture and Art Festival, and Robert Schumann Music Festival. Participated in symphonic concerts at philharmonics in Wałbrzych and Łódź, Concert Hall of the Academy of Music in Łódź, City of Łódź History Museum, as well as solo and chamber music concerts at the philharmonic in Lublin and numerous concert halls in Poland, gave piano recitals in Germany (Darmstadt, Mainz, Rheinsberg) and a chamber music concert in Brussels. Has collaborated for many years with clarinet player Robert Stefański (as part of Bacewicz Duo), pianist Mikołaj Pacholczyk, (together they recorded numerous works by J. Brahms, A. Tansman, P. Mykietyn and M. Chyrzyński) as well as Wojciech Kubica (with whom he performed symphonic concerts for two pianos). He has also collaborated with outstanding instrumentalists and vocalists, such as Łukasz Błaszczyk, Urszula Kryger, Beata Zawadzka-Kłos, Stanisław Kierner, Arnold Rutkowski, Szymon Komasa, or Przemysław Rezner. An important part of the pianist’s artistic activity is performing contemporary music, which he plays regularly during many concerts, festivals and academic and artistic sessions. Many of his presentations have been recorded and released on CDs by the Academy of Music in Łódź, become part of the Academy’s archive recordings collection or used as “artistic work” in a few registration and conferment procedures for a doctoral degree. Among the recorded compositions were the pieces by Z. Szostak, A. Krauze, A. Tansman, or R. Vilaga.

Recordings:

  1. Chamber Pieces by Johannes Brahms”. Stanisław Kierner – baritone, Witold Holtz – piano, 2007 (J. Brahms – song cycle op. 94 ); Robert Stefański – clarinet, Witold Holtz – piano ( J. Brahms - Sonata in E-flat Major op. 120 no. 2 movt 1 for clarinet and piano; Beata Zawadzka – soprano, Urszula Kryger – mezzo-soprano, Michał Masłoń – tenor, Andrzej Niemierowicz – baritone, Bogusław Pikała – piano, Witold Holtz –piano (J. Brahms – Liebeslieder Walzer op. 52 /selection/, Neue Liebeslieder Walzer op. 65 /selection/; The Grażyna and Kiejstut Bacewicz Academy of Music in Łódź (4 CD AM 0010-0013), 2009

  2. 2. Franz Schubert – Winterreise D. 911 poems Wilhelm Muller, Przemysław Rezner – baritone, Witold Holtz – piano, 2012. (Franz Schubert – Winterreise D. 911) Ars Sonora (ARSO-CD-36), 2013

MASTERCLASS di Stefano Zenni

Venerdì 9 settembre 2016 dalle 15.30 alle 19.30

Sabato 10 settembre 2016 dalle 9.30 alle 13.30

Salone del Conservatorio

per il ciclo “Afroamericans”:

Masterclass di Stefano Zenni

 

 

Foto Zenni copia 2

Venerdì 9 settembre

Dall’Africa alle migrazioni ancestrali. Viaggio alle origini della cultura e della musica”

Possiamo immaginare come è nata la musica e quando? Come è possibile che la musica di Papua Nuova Guinea sia uguale a quella dei pastori nomadi del Sudafrica e alle polifonie del nostro Medioevo? Cosa c’entra l’esplosione di un vulcano con la nascita delle musiche asiatiche? E cos’hanno in comune queste esperienze arcaiche con la musica che facciamo oggi? La lezione di Stefano Zenni, basata sul nuovo libro di Victor Grauer “Musica dal profondo”, prova a rispondere a tutte queste domande, e ci rivela come la musica possa spiegare la nostra storia più antica e l’origine di quella cosa tutta umana che chiamiamo cultura.

Sabato 10 settembre

Follie e sarabande afromediterranee: il jazz rinascimentale, da Corelli a Trovesi”

Se qualcuno vi dicesse che nel Mediterraneo del XVI e XVII secolo si danzava e si improvvisava come nel jazz? E se vi dicesse che Arcangelo Corelli e Gianluigi Trovesi non sono così lontani? E che le sarabande di Bach hanno una lontana origine africana? Fantastoria? No, sono le musiche nere della nostra storia. La lezione esplora le forme popolari e colte del Mediterraneo antico alla scoperta di forme musicali che hanno insospettate consonanze con la nostra musica d’oggi.

AFROAMERCANS: Masterclass

Giovedì 16 dalle 9.30 alle 13. 30

e venerdì 17 giugno dalle 15 alle 19

Salone del Conservatorio

Per il ciclo “Afroamericans”

Masterclass di Walter van de Leur

Duke Ellington e i manoscritti musicali autografi

Duke Ellington è universalmente riconosciuto come uno dei più importanti compositori afroamericani del XX secolo. Ha lasciato un’opera immensa, custodita in centinaia di registrazioni.

Durante la sua carriera, Ellington fa spesso riferimento al processo di scrittura musicale. Una mole impressionante di manoscritti musicali autografi, appartenenti al celebre compositore, è, infatti, custodita presso lo Smithsonian Institution di Washington, DC. Minuziosa l’accuratezza per il dettaglio contenuta nelle partiture autografe di Ellington, quanto l’importanza del ruolo che tali documenti hanno giocato nella tecnica compositiva del celebre compositore e direttore d’orchestra.

Durante il seminario, Walter van de Leur ci introdurrà all’affascinante mondo del processo creativo del celebre compositore e del suo collaboratore più stretto, Billy Strayhorn.

 

ellington copia

MASTERCLASS E CONCERTO DI ROSA

da giovedì 9 a sabato 11 giugno

Sede del conservatorio

MASTERCLASS

di Francesco Di Rosa

primo oboe solista nell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

 

 

La masterclass di oboe e musica da camera del M° Di Rosa si svolgerà nella sede del Conservatorio giovedì 9 giugno dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, , venerdì 10 e sabato 11 giugno  dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

 

Sabato 11 giugno,

Salone del Conservatorio, ore 20

CONCERTO DI FRANCESCO DI ROSA, oboe

al pianoforte la prof.ssa Loretta Tanzarella

 

W.A.Mozart (1756-1791)

Aria Ah se in ciel benigne stelle K 538

P. Hindemith (1895-1963)

Sonata

Munter - sehr langsam

 

 

Considerato dal pubblico e dalla critica come uno dei migliori oboisti nel panorama internazionale, Francesco Di Rosa ricopre attualmente il ruolo di primo oboe solista nell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di S.Cecilia.di rosa copia

Nato a Montegranaro (FM) nel 1967 ha studiato con Luciano Franca e Maurice Bourgue. Dal 1994 al 2008 è stato Primo oboe solista dell'Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica sotto la direzione di Riccardo Muti e Daniel Barenboim. Ha vinto il secondo premio al concorso per oboe di Zurigo “Jugendmusik Wettbewerb 1988" ed altri 6 concorsi nazionali di musica da camera.

Ha suonato nelle sale da concerto più prestigiose del mondo, è stato diretto dai più celebri Direttori d’orchestra, Abbado, Giulini, Muti, Chailly, Gatti, Boulez, Barenboim, Sawallisch, Pretre, Pappano, Maazel, Metha, Gergiev, Chung.

Come solista ha suonato sotto la direzione di Riccardo Muti, Myung Wun Chung, Ton Koopman e Antonio Pappano, come camerista ha suonato con numerosi ed importanti ensemble, attualmente suona con il Quintetto di fiati Italiano e i Cameristi di Santa Cecilia.

Come primo oboe è stato invitato da prestigiose orchestre come i Bayerischer Rundfunk, la Mahler Chamber, la Camerata Salzburg, l’Orchestra Mozart di Claudio Abbado e l’Orchestre National de France.

Ha inciso gran parte del repertorio oboistico per Emi, Thymallus, Bongiovanni, Preiser Records, Musicom, Real Sound, Tactus, Dad Records, Aulia, Brilliant e la rivista Amadeus. È stato Vice Presidente della Filarmonica della Scala.

È Direttore Artistico degli “Amici della Musica di Montegranaro", socio fondatore del movimento Musicians for Human Rights e della Human Rights Orchestra.

Insegna oboe ai corsi di perfezionamentodell’Accademia di Santa Cecilia.

Suona un oboe Buffet “Orfeo” Green Line.

www.francescodirosa.com

MASTERCLASS DI WOLFGANG KURZ

da mercoledì 25  a martedì 31 maggio 

Masterclass di Wolfgang Kurz

(direzione d’orchestra)

 

La masterclass si svolgerà secondo il seguente calendario:

Mercoledì 25 maggio: 18-21

Giovedì 26 Maggio:  10 - 14, 19 - 21

Venerdì 27 Maggio:  10 - 14,  19 - 21

Sabato 28 Maggio:     10 - 14

Lunedì 30 Maggio:     9.30 - 13.30 (con orchestra), 18 - 21

Martedì 31 Maggio:    9.30 - 13.30 (con orchestra), 18 - 21

 

 

Foto Wolfgang Kurz Farbe

 

Wolfgang Kurz, nato nel 1954, ha studiato direzione d'orchestra con Jan Koetsier e Hermann Michael presso l’Hochschule für Musik di Monaco di Baviera e nei corsi di Sergiu Celibidache. Sempre a Monaco ha studiato Filosofia presso l’Hochuschule für Philosophie. Ha iniziato la sua carriera musicale alla Bayerische Staatsoper di Monaco come corripetitore e assistente musicale di Wolfgang Sawallisch. Dopo sei anni come direttore d'orchestra presso l’ Hessische  Staatstheater a Wiesbaden, è stato scritturato al Mainfranken-Theater di Würzburg. 

Dal 1988 Wolfgang Kurz è docente di direzione d'orchestra presso l’Hochschule für Musik di Würzburg. Nell'ambito del programma Erasmus, è stato più volte invitato come docente ospite presso diverse università europee per progetti d'orchestra e masterclass a Porto (Portogallo), Salamanca (Spagna), Monopoli (Italia). Dal 2006 al 2010 è stato direttore della Bayerische Kammeroper in Veitshöchheim.

E’ stato direttore ospite in orchestre quali: Bach-Collegium München, Baden-Badener Orchester, Vogtland-Philharmonie, Kurpfälzisches Kammerorchester Mannheim, Nürnberger Symphoniker, Salieri-Chamber-Orchestra, Ensemble Insieme, Incheon Opera Company, Bayerische Kammeroper in Veitshöchheim, Sinfonieorchester der TU Darmstadt, Ansbacher Kammerorchester, Sinfonia Mozartiana und Kammerorchester Bad Mergentheim, Allgäu-Sinfonietta. Wolfgang Kurz è il direttore principale della Würzburger Kammerorchester e del Bad Mergentheimer Kammerchor.

Si esibisce anche come pianista in ambito liederistico ed i suoi lavori da compositore comprendono composizioni e arrangiamenti per coro e orchestra. Nel 1999 è stato premiato al concorso “Valentin-Becker-Kompositionswettbewerb” e nel 2002 ha vinto tre premi al concorso di composizione per musica corale “Hessischen Sängerbundes”.

MASTERCLASS ANNA SEROVA

da lunedì 23 a mercoledì 25 maggio

Masterclass di Anna Serova

(viola, quartetto e musica da camera)

 

La masterclass prevede due concerti, entrambi nel Salone del Conservatorio ad ingresso libero:

dei corsisti solisti e dei gruppi partecipanti, martedì 24 maggio alle 20

della docente ospite e del quintetto d'archi del Conservatorio, mercoledì 25 maggio alle 20

La collaborazione pianistica durante le lezioni di viola sarà determinata in base al repertorio. La collaborazione pianistica del concerto di Anna Serova sarà a cura del M° Domenico Di Leo.

serova

Anna Serova

Figura unica nel panorama internazionale, solistico e della musica da camera, la violista Anna Serova ha ricevuto nei ultimi anni dediche da alcuni dei più importanti compositori contemporanei, i quali hanno creato per lei un nuovo genere di composizione, unendo la forma del concerto all' azione scenica di un' opera di teatro. Ricordiamo, per esempio, la straordinaria Cantata drammatica "Fero Dolore" e la Tragedia lirica "Giocasta" di Azio Corghi. In quest' ultima, suonando e recitando sulla scena, Anna Serova impersona il destino.Dopo aver studiato con Vladimir Stopicev (Alto perfezionamento al Conservatorio di San Pietroburgo), con Bruno Giuranna (Accademia W. Stauffer di Cremona) e Juri Bashmet (Accademia Chigiana di Siena) ha cominciato una brillante carriera concertistica che l' ha vista protagonista di alcune delle più importanti stagioni concertistiche e festival italiani ed esteri.

Per la rara bellezza del suono e per la sua notevole duttilità artistica, Anna Serova è molto richiesta nella musica da camera - tra i suoi partners vi sono stati Ivry Gitlis, Bruno Giuranna, Salvatore Accardo, Rocco Filippini, Filippo Faes, Toby Hoffmann. Si è esibita come solista con orchestre come la Moscow State Symphony Orchestra, Siberian Symphony Orchestra, Karelia Symphony Orchestra, Krasnoyarsk Chamber Orchestra, Arkhangelsk State Chamber Orchestra, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra del Teatro Olimpico.

Varie sue incisioni discografiche hanno entusiasmato la critica e ottenuti premi e riconoscimenti. Nel 2007 il suo ultimo CD "Schumann racconta" registrato con Ensemble Punto It ha ottenuto 5 stelle dalla rivista "MUSICA" che lo ha recensito tra i CD eccezionali del mese.

Nel 2006 il Sindaco di Krasnojarsk ha nominato Anna Serova "AMBASCIATORE CULTURALE DELLA CITTA". Grazie alla sua opera, è stato firmato il Protocollo d'intenti tra Cremona e la Città siberiana, per mezzo del quale si organizzano scambi culturali, commerciali e amministrative tra l vasta regione della Siberia centrale e l' Italia. Costantemente invitata a tenere dei master class nelle migliori Accademie di Russia e Europa. E' docente di viola e musica da camera presso l'Accademia Internazionale di Biella.

MASTERCLASS VINNY GOLIA

venerdì 20 e sabato 21 maggio 2016

Masterclass di Vinny Golia

(Composizione ed improvvisazione jazz)

 

La masterclass prevede due concerti finali, entrambi nel salone del Conservatorio:

 

venerdì 20 maggio 2016, ore 20.30

Panji”

Vinny Golia/Gianni Lenoci/Gianni Mimmo/Norontako Bagus Kentus

 

 

sabato 21 maggio 2016, ore 20.30

Vinny Golia+Hocus Pocus Lab Orchestra

(studenti dei corsi di jazz che partecipano al workshop_direzione Gianni Lenoci)

Opening: Simone Devenuto, piano solo “Hancock’s Mirror”

 

INGRESSO LIBERO AI 2 CONCERTI

golia

As a composer Vinny Golia fuses the rich heritage of Jazz, contemporary classical and world music into his own unique compositions. Also a bandleader, Golia has presented his music to concert audiences in Europe, Canada, Mexico, Japan, Australia, New Zealand and the United States in ensembles varying dramatically in size and instrumentation. Mr. Golia has won numerous awards as a composer, including grants from The National Endowment of the Arts, The Lila Wallace Commissioning Program, The California Arts Council, Meet the Composer,Clausen Foundation of the Arts, Funds for U.S. Artists and the American Composers Forum. In 1982 he created the on-going 50 piece Vinny Golia Large Ensemble to perform his compositions for chamber orchestra and jazz ensembles.

A multi-woodwind performer, Vinny's recordings have been consistently picked by critics and readers of music journals for their yearly "ten best" lists. In 1990 he was the winner of the Jazz Times TDWR award for Bass Saxophone. In 1998 he ranked 1st in the Cadence Magazine Writers & Readers Poll and has continually placed in the Downbeat Critic's Poll for Baritone & Soprano Saxophone. In 1999 Vinny won the LA Weekly’s Award for "Best Jazz Musician". Jazziz Magazine has also named him as one of the 100 people who have influenced the course of Jazz in our Century. In 2006 The Jazz Journalists Association honored him with a Lifetime Achievement Award.

Golia has also contributed original compositions and scores to Ballet and Modern Dance works, video, theatrical productions, and film. As an educator Vinny has lectured on music & painting composition, improvisation, Jazz History, The History of Music in Film, CD & record manufacturing and self-production throughout the United States, Europe, Mexico, New Zealand and Canada. He currently teaches at California Institute of the Arts. In 1998 Golia was appointed Regent's Lecturer at the University of California at San Diego. In 2009 Vinny Golia was appointed the first holder of the Michel Colombier Performer Composer Chair at Cal Arts.

Vinny has been a featured performer with Anthony Braxton, Henry Grimes, John Carter, Bobby Bradford, Joelle Leandre, Leo Smith, Horace Tapscott, John Zorn, Tim Berne, Bertram Turetzky, George Lewis, Barre Phillips, The Rova Saxophone Quartet, Patti Smith, Harry "the Hipster" Gibson, Eugene Chadburne, Kevin Ayers, Peter Kowald, John Bergamo, George Gruntz Concert Jazz Band, Misha Mengelberg, Han Bennick, Lydia Lunch, Harry Sparrney and the Los Angeles Philharmonic Orchestra amongst many others.

 

 

Gianni Mimmo ha costruito una reputazione internazionale grazie ad una voce di sax soprano peculiare e a una ricerca personale irriducibile.

Il suo tratto distintivo è l’accostamento fra distanti declinazioni artistiche, il suo stile si avvale di una conoscenza profonda dello strumento e di una coscienza sonora che è elemento costitutivo del suo linguaggio espressivo.

Interessato da sempre alla contaminazione fra le arti ha partecipato a numerose attività inter-disciplinari, con particolare attenzione al rapporto musica-testo e musica-immagine.

Si dedica alla composizione attraverso la partitura grafica con un pensiero forse neo-formale, dislocando elementi/incroci che scaturiscano una visione multi-prospettica, uno stimolante percorso interpretativo e una più profonda consapevolezza dei pesi drammatici e timbrici in gioco.

Suoi numi tutelari paiono provenire dal jazz più avventuroso, come Steve Lacy e Roscoe Mitchell, della musica contemporanea come John Cage, Robert Ashley, Earle Brown, dell'arte Jackson Pollock, John Mclaughlin,Toti Scialoja, M. Sironi, F. Casorati.

Il suo lavoro è stato ottimamente recensito dai più importanti magazine e le sua collaborazioni includono, fra molti altri nomi quali: John Russell, Harry Sjöström, Alison Blunt, Lisa Mezzacappa, Vinny Golia, Renee’ Baker, Elisabeth Harnik, Clementine Gasser, Daniel Levin, Benedict Taylor, Jean-Michel van Schouwburg, Hannah Marshall, Lawrence Casserley, Martin Mayes, Teppo Hauta-hao, Achim Kaufmann, Matthias Bauer, Garrison Fewell, Nicholas Isherwood, Gianni Lenoci, Xabier Iriondo, Cristiano Calcagnile, Nicola Guazzaloca, Peter Brötzmann, Enzo Rocco, Angelo Contini, Stefano Pastor, Stefano Giust, Alessio Pisani, Michele Marelli:

Collabora con danzatori, poeti, video-makers, performance teatrali.

Gran parte della sua attività concertistica si svolge in tutta Europa e Stati Uniti, in rassegne e festival internazionali.

E’ fondatore ed è direttore artistico della label indipendente Amirani Records.

MASTERCLASS STEFANO GRONDONA

mercoledì 18 e giovedì 19 maggio

dalle 10.30 alle 12.30  e  dalle 14.30 alle 17.30

Masterclass chitarristica di Stefano Grondona

 

Dedizione assoluta e anticonvenzionale alla musica: questa è la cifra distintiva dell’arte di Stefano Grondona, preclara fin dai suoi esordi. Nato a Genova il 21 Luglio 1958, si è imposto giovanissimo come vincitore dei più prestigiosi concorsi internazionali (Parma, Alessandria, Gargnano, Palma de Mallorca, Città del Messico, Leed’s Castle, Monaco di Baviera). Andrés Segovia, in una intervista del 1985, lo menzionò come uno dei suoi quattro allievi più significativi. John Williams, Oscar Ghiglia ed Alirio Díaz, artisti allora già nel pieno della loro maturità artistica, erano gli altri nominati dal Maestro. Grondona, che ha celebrato nel gennaio del 2014 il suo quarantesimo anno di carriera concertistica, ha contribuito con la sua ricerca interpretativa e storica ad una innovativa visione personalissima e insieme archetipica della chitarra. Le opere discografiche di Grondona costituiscono un ineludibile punto di riferimento per il pubblico e la critica, ed hanno meritato premi di notevole prestigio: il CD La Guitarra de Torres ha ricevuto nel 1999 la Chitarra d’oro per il Migliore CD dell’anno al Convegno Nazionale di Alessandria, ed è stato segnalato tra i migliori CD dell’anno dalla rivista tedesca Klassik Heute; Lo Cant dels Aucells ha anche ricevuto nel 2002 la Chitarra d’oro; Respuesta ha ottenuto nel 2007 il prestigioso Editor’s Choice della rivista inglese Gramophone, mentre nel 2008 lo stesso CD è stato incluso da La Vanguardia nella collezione di dischi di musica catalana per la celebrazione dei cento anni del Palau de la Música di Barcellona; Grondona plays Bach è stato premiato con cinque stelle dalle riviste Musica, Amadeus e Classic Voice. Il cd Nocturnal, del 2013, anche premiato delle cinque stelle di Musica, omaggia il compimento degli 80 anni del grande virtuoso inglese Julian Bream con opere composte per quest’ultimo e al tempo stesso celebra il centenario della nascita del compositore B.Britten e i cinquanta anni dalla composizione del suo Nocturnal after John Dowland op. 70.

Le sue dieci tournée in Giappone sono state accolte dal mondo musicale nipponico con un fervore pari a quello ricevuto a suo tempo dallo stesso Segovia e da Julian Bream. Dal 2004 a tutt’oggi esiste in Giappone un club di fans di Stefano Grondona. Da oltre vent’anni titolare di cattedra presso il Conservatorio di Vicenza, Grondona ha saputo rendere la sua classe un riconosciuto centro pulsante di meditazione strumentale. Tra le innumerevoli master class tenute in tutto il mondo quelle di Ponte in Valtellina e di Riva del Garda, datate tra il 1987 e il 2001, si ricordano per il determinante contributo alla formazione di una nuova generazione di chitarristi; a Ponte in Valtellina ebbero luogo svariati eventi diretti da Grondona come le due edizioni speciali di Ponte di Note (nel 2002, dedicata a David Rubio e nel 2005, La Guitarra Española), e la stesura del libro La Chitarra di Liuteria-Masterpieces of Guitar Making (2001), scritto in collaborazione con il liutaio Luca Waldner, con l’editore, scrittore e fotografo Massimo Mandelli e con il cordaio Mimmo Peruffo. Per lo speciale rapporto che ha saputo instaurare con gli strumenti del passato, Grondona è stato invitato a tenere recitals sulle chitarre Torres che si trovano al Museu de la Música (Barcellona, 2001, 2003, 2005, 2009, 2012, 2013) e al Palacio de la Guitarra (Ibaraki, 2000, 2001, 2005, 2012), ed a partecipare a concerti in memoria dei grandi liutai, quali Antonio de Torres (Almería 2006, Córdoba 2007), Robert Bouchet (Tokyo 1998) e David Rubio (Cambridge 2001, 2004), con il quale Grondona aveva collaborato tra il 1992 ed il 1999.

A seguito della sua attività volta alla ricerca e diffusione della cultura e musica catalana, nel 2005 Grondona ha ricevuto il prestigioso Premio I.P.E.C.C. (Institut de Projecció Exterior de la Cultura Catalana).

Il 27 Aprile 2011 Stefano Grondona è stato insignito della più alta onorificenza culturale catalana, la Creu de Sant Jordi, conferitagli dalla Generalitat de Catalunya.

Il 2 giugno 2012 gli è stata conferita l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine del Merito della Repubblica Italiana.

Il 24 novembre 2013 il Comune di Ponte in Valtellina ha assegnato a Stefano Grondona il Premio Giuseppe Piazzi per l’Arte.

Il 12 gennaio 2015 gli è stata conferita l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine del Merito della Repubblica Italiana.

 

locand grondona

MASTERCLASS percussioni

 

lunedì 16 e martedì 17 maggio

Masterclass di Claudio Romano

Primo timpanista dell'Orchestra Sinfonica nazionale della RAI

"I timpani: tecniche e repertorio”

 

 

Foto Romano

Lunedi 16 Maggio 10,00-13,00   15,00-18,30

Martedì 17 Maggio 10,00-13,00   15,00-18,30

Docente referente: M° Stefano Baldoni

La quota di frequenza, prevista solo per gli studenti esterni al Conservatorio, è di € 100 per

i partecipanti effettivi, € 30 per i partecipanti uditori da versare sul c/c 13800743 intestato a Conservatorio Rota Monopoli - causale “Masterclass Romano”.

Per gli allievi interni riconoscimento crediti in base alle ore svolte.

La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   entro sabato 14 Maggio, indicando il nominativo del richiedente e gli estremi del versamento.

 

 

Curriculum di Claudio Romano

Ha intrapreso gli studi musicali presso il Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, sotto la guida del prof. Antonio Striano. Giovanissimo, si è diplomato in Percussione con il massimo dei voti e inoltre ha conseguito il diploma in Tromba.

All’età di soli quindici anni risalgono le prime esperienze come Timpanista con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese. Nel 1978 ha vinto il concorso internazionale come Primo Timpanista presso l’Orchestra Sinfonica di Roma della Rai - Radiotelevisione Italiana; dal 1994 ricopre il ruolo di Primo Timpanista presso l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai (OSN Rai) con sede a Torino.

Ha suonato sotto la guida dei più grandi direttori del mondo: Claudio Abbado, Leonard Bernstein, Seiji Ozawa, Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Georges Prêtre, Riccardo Chailly, Giuseppe Sinopoli, Christian Thielemann, Zubin Mehta, Daniel Barenboim, Kent Nagano, Wolfgang Sawallisch, Myung Wun Chung, Lorin Maazel, Jurij Temirkanov e molti altri. Ennio Morricone, direttore e compositore “Premio Oscar”, più volte lo ha voluto nei concerti e nelle incisioni delle sue musiche.

Ha suonato con complessi da camera in diversi festival internazionali, in Cina, Giappone, Corea, America e Europa. Ha collaborato come Timpanista con le più prestigiose orchestre italiane: Filarmonica della Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Mozart, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino.

E’ stato docente di Percussione presso il Conservatorio di Musica “Alfredo casella” dell’Aquila e attualmente è docente al biennio universitario del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino. Tiene corsi di perfezionamento e master class in Italia e all’estero. Nel 2010 è stato invitato dal Mozarteum di Salisburgo come docente di un master sulla letteratura e il repertorio sinfonici. Ha fondato a Roma una scuola di Timpani.

MASTERCLASS FLAUTISTICA di Antoni Wierzbiński

dal lunedì 2 a giovedì 5 maggio

Masterclass flautistica di Antoni Wierzbiński

La masterclass si svolgerà secondo il seguente calendario:

Lunedì 2 maggio ore 11 – 13 e 15 – 18

Martedì 3 maggio ore 11 – 13 e 15 – 18

Mercoledì 4 maggio ore 14 -19

 

WIERZBIŃSKI- foto copia 2

 

Antoni Wierzbiński è docente di flauto presso l'Accademia di Musica di Łódź, in Polonia. Nato a Cracovia, Antoni Wierzbiński si è laureato con diploma di distinzione dalla Scuola Superiore di Musica di Łódź nel 1969.

Dopo ulteriori studi a Parigi con Alain Marion ha anche frequentato corsi di perfezionamento con Jean Pierre Rampal e Maxence Larrieu.

Vincitore del Prize- nel Flauto Concorso Nazionale di Włoszakowice (Polonia) ha ricevuto il "Prix d'Excellence" in flauto e musica da camera al Concorso Conservatorio di Rueil -Malmaison, in Francia nel 1974.

Prof. Antoni Wierzbiński appare spesso come solista e musicista da camera in tutta Europa (Olanda, Francia, Germania, Svezia, Turchia, Svizzera - Sir Yehudi Menuhin Gstaad Festival) e U.S.A.

E 'stato anche co-flautista principale della Città del Messico Philharmonic Orchestra per due anni e ha girato spesso con il Polish Chamber Orchestra "Sinfonia Varsavia" come membro e solista ospite di questa orchestra.

Incide regolarmente per la radio e TV polacca, come per quella Olandese.

E’ stato docente di musica da camera presso la "Jugend Festspiele" di Bayreuth (1996-2000).

Attualmente è professore della classe di flauto presso l'Accademia di Musica di Łódź - Polonia ed è spesso membro della giuria in concorsi di flauto internazionali. Dal 1 settembre 2005 fino al 31 agosto 2012 è stato rettore dell'Accademia Grażyna e Kiejstut Bacewicz di Musica di Łódź.

MASTERCLASS PIANISTICA THIOLLIER

da lunedì 2 a mercoledì 4 maggio 2016, salone del Conservatorio

Masterclass pianistica di François-Joël Thiollier

La masterclass, rivolta anche agli studenti esterni al Conservatorio, si svolgerà secondo il seguente calendario:

lunedì 2 maggio: dalle 17 alle 20.30

martedì 3 e mercoledì 4 maggio: dalle 9 alle 13.30 e dalle 16 alle 20.30

 

thiollier copia

 

François-Joel Thiollier è uno dei più completi pianisti e musicisti d'oggi. Franco-americano di nascita, ha assimilato il meglio di diverse culture; nato a Parigi, ha dato il suo primo concerto a New York all'età di 5 anni.

Ha proseguito gli studi musicali in Francia sotto la guida di Robert Casadesus. Successivamente si è perfezionato negli Stati Uniti con Sascha Gorodnitzki alla Juilliard School of Music, laureandosi con il massimo dei voti in tutte le materie sia accademiche che musicali all'età di 18 anni.

Thiollier ha vinto 8 « Grands Prix» , risultato senza precedenti, in concorsi internazionali, fra cui "Reine Elisabeth" del Belgio ed "Tchaikowski" di Mosca.

Il suo vastissimo repertorio, la sua eccezionale cultura musicale e la sua padronanza della tastiera sono la chiave del suo successo internazionale. Thiollier suona oggi in più di 40 Paesi con le più prestigiose orchestre ( Filarmonica di Leningrado e Mosca, Concertgebouw di Amsterdam, Residentie Orkest dell'Aja, Orchestra della Rai di Torino, Santa Cecilia, Orchestre de Paris, Orchestre National de France, London Symphony Orchestra ), e nelle sale più importanti (Théatre des Champs Elysées, Berliner Philharmonie e Konzerthaus, Bunka Kaikan e Suntory Hall Tokyo, Palais des Beaux Arts di Bruxelles, Auditorium di Madrid, La Scala, la Fenice, la Sydney Opera House Concert Hall...).

La sua interpretazione del Concerto di Busoni alla Philharmonie di Berlino è stata così recensita: " Thiollier , un pianista al di sopra di ogni paragone, ha stupefatto ed affascinato il pubblico con una tecnica pazzesca, una raffinata eleganza, un compiuto senso del suono e, infine, qualità non delle minori, con una musicalità piena di generosità.»

François-Joël Thiollier è stato promosso “Cavaliere grande Ufficiale” nel ordine Francese “Arti e Lettere” nel 2003.

DISCOGRAFIA

Thiollier ha inciso più di 36 LP e 40 CD con musiche che spaziano da Mozart a Ravel e Rachmaninoff (quest’ultimi Opera omnia in prima incisione mondiale)

Sito: www.fjthiollier.com

MASTERCASS DI ALBERTO ODONE

Venerdì 29 aprile 2016 dalle 10 alle 18 - Sabato 30 aprile dalle 10 alle 14, Salone del Conservatorio

 

MASTERCLASS DI ALBERTO ODONE  Ear training e Teoria musicale nella formazione preaccademica e accademica

 

Venerdì 29 aprile, ore 18 Salone  del Conservatorio

Presentazione del libro Suono Segno Suono di Domenico Molinini

 

 

 

Il corso tratta tematiche legate allo sviluppo dell’audizione mediate però attraverso attività di produzione sonora (canto, attività ritmica ecc.) e sviluppando le abilità di riconoscimento auditivo e assimilazione delle strutture musicali (audizione tecnica) integrate però in un percorso di analisi auditiva. Il tema centrale è lo sviluppo della audizione fondamentale, corrispondente a ciò che si indica spesso con il termine “musicalità”, base per lo sviluppo di tutte le ulteriori abilità musicali, strumentali e non. Si rivolge a docenti e studenti che vogliano approfondire l’aspetto dell’educazione dell’orecchio. 

 

ALBERTO ODONE             molinini

Masterclass Flautistica di Lars Asbjørnsen

 

Masterclass flautistica di

Lars Asbjørnsen

docente all'Accademia di Musica di Wiesbaden (Germania)

e all'Università di Kristiansand (Norvegia)

 

 

La masterclass, riservata agli allievi interni, si svolgerà nel Salone e nelle aule del Conservatorio secondo il seguente calendario:

 

Sabato 2 aprile 2016: ore 15 - 19

 

Lunedì 4 aprile 2016: ore 10 - 13 e 15 - 19

 

Martedì 5 aprile 2016: ore 10 - 13

 

e concerto alle ore 19 

 

 

Lars Asbjørnsen insegna flauto presso l'Accademia di Musica di Wiesbaden, Germania, e presso l'Università di Agder a Kristiansand, Norvegia.

In questa veste, ha insegnato anche in masterclass presso le università e festival in Germania, Francia, Polonia, Norvegia, Giappone, Cina e Stati Uniti.
In qualità di flauto solista, Lars Asbjørnsen ha suonato con Folkwang Kammerorchester, SudWestdeutsches Kammerorchester Pforzheim, Kurpfälzisches Kammerorchester Mannheim, Kristiansand Kammerorkester, Ensemble International Paris, Thüringer Symphoniker l’ orchestra da camera polacca «Archi da Camera». Con quest'ultimo, che ha registrato anche il concerto di Mozart in G-maggiore, KV 313 (DUX, Varsavia).
Come musicista da camera, Lars Asbjørnsen si esibisce regolarmente in duo-recital con pianoforte, ma anche in combinazioni duo con arpa, chitarra o fisarmonica. Con i suoi partner di musica da camera, è stato invitato ad esibirsi in molti concerti e festival in Giappone, Stati Uniti, Norvegia, Polonia, Francia, Croazia, Spagna, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera, Inghilterra, Irlanda e Slovenia.

Fondatore del «Oslo Ensemble», un gruppo formato da flauto, archi e arpa ed è stato anche per dieci anni un membro del vento trio «Ensemble Zephyros». Ha registrato musica da camera per la televisione norvegese (NRK), Westdeutsche Rundfunk, Colonia così come per MW-Music di Londra e la Polacco CD-label «Acte préalable».
Tra i fondatori della norvegese Flute Society, Lars Asbjørnsen è stato attivo protagonista nella scena del flauto in norvegese, co-organizzatore di manifestazioni per flauto in norvegia, così come altre attività riguardanti il ​​flauto e flauto-playing. Questo include anche la trascrizione e l'organizzazione musica per flauto e flauti in ensemble. Era inoltre un membro del "Forum für Würzburger Flötenpädagogik " .

Lars Asbjørnsen è un commissario molto presente nell'ambito del sistema di istruzione «Jugend Musiziert» in Germania ed è stato in giurie di concorsi in Francia, Polonia e Stati Uniti oltre a Direttore artistico dei corsi di musica da camera in Germania e Norvegia, nonché Direttore artistico di una serie di concerti da camera a Wiesbaden.

E 'stato incluso come flautista in "101 Storie di Inspirational da I migliori esecutori di flauto del mondo" (pubblicazioni Windplayer, USA 2003) e ha scritto articoli su argomenti inerenti il flauto in «Flöte Aktuell» (Germania) «Flutewise» (Regno Unito).
Nella sua carriera di musicista d'orchestra (1984-1990), Lars Asbjørnsen è stato Primo flauto con il Folkwang Chamber Orchestra, l'Orchestra Filarmonica di Ulm e la Netherlands Philharmonic Orchestra. In quegli anni, si è esibito con direttori quali Mariss Jansons, Raphael Frühbeck de Burgos, Dmitri Kitayenko etc.
Lars Asbjørnsen ha ricevuto la sua formazione musicale presso il «Staatliche Hochschule für Musik, Theater und Tanz, Rhein-Ruhr »a Essen, in Germania, dove ha studiato con il Prof. Matthias Rütters ottenendo il diploma di flautista d’orchestra (Künstlerische Reifeprüfung) nel 1986. Ha anche una laurea pedagogica sul flauto conseguita presso la Østlandets Musikkonservatorium a Oslo.

 

 

 

 

MASTERCLASS GHIELMI

 

Nell'ambito della rassegna "FIORI MUSICALI" 2016:

MASTERCLASS ORGANISTICA DI LORENZO GHIELMI

"Da Frescobaldi a Bach"

1 - 2 Aprile 2016

SALONE DEL CONSERVATORIO

 

Il corso, riservato agli studenti interni del Conservatorio “Nino Rota”, ammette anche studenti esterni previa iscrizione. Quota di adesione per studenti esterni effettivi: € 100 - Quota di adesione per studenti esterni uditori: € 30 da versare sul CCP 13800743 intestato al Conservatorio di Monopoli

 

1 Aprile: dalle ore 11 alle ore 18

2 Aprile: dalle ore 9.30 alle ore 17.30

 

L Ghielmi photo by Sergio Caminata mail

MASTERCLASS PIANISTICA RODRIGUEZ

MASTERCLASS PIANISTICA

DI JESUS MARIA GOMEZ RODRIGUEZ
(Conservatorio “Oscar Esplá” di Alicante - Spagna)
Salone del Conservatorio “Nino Rota”
7 – 8 – 9 marzo 2016

La Masterclass, organizzata nell'ambito del progetto Erasmus+, è riservata agli studenti di pianoforte iscritti al Conservatorio “Nino Rota”. Si svolgerà dal 7 al 9 marzo secondo il seguente calendario:

lunedì 7 marzo: dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16 alle 19
martedì 8 marzo: dalle 9.30 alle 13.30  
mercoledì 9 marzo: dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16 alle 19

 

gomez

MASTERCLASS DI PERCUSSIONI

Martedì 17 novembre 2015

Sede del Conservatorio, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

LE PERCUSSIONI IN ORCHESTRA

Masterclass di Andrea Santarsiere

Percussionista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

La quota di frequenza, prevista solo per gli studenti esterni al Conservatorio, è di € 60 per i partecipanti effettivi, € 20 per i partecipanti uditori da versare sul c/c 13800743 intestato a Conservatorio Rota Monopoli - causale “Masterclass Santarsiere”. Per gli allievi interni riconoscimento crediti in base alle ore svolte. La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  entro sabato 14 Novembre, indicando il nominativo del richiedente e gli estremi del versamento.

Andrea Santarsiere inizia gli studi musicali nel 1996 presso il Conservatorio “Carlo Gesualdo da Venosa” di Potenza conseguendo il diploma con lode sotto la guida del M° Nunzio Pietrocola; continua i suoi studi ad Amsterdam con Jan Pustjens, Gustavo Gimeno, Lorenzo Ferrandiz e Nik Woud (Royal Concertgebouw Orchestra).

E’ stato selezionato come percussionista effettivo nell’O.G.I. (Orchestra Giovanile Italiana) e nell’E.U.Y.O. (European Union Youth Orchestra), dove si è perfezionato rispettivamente con il M° Jonatan Faralli e Reiner Seegers.

Nel 2004, viene invitato a far parte dell’Orchestra Mozart dove ha l’opportunità di perfezionarsi con il M° Robert Kendell e collaborare con lo stesso Claudio Abbado e Sir John Elliot Gardner.

Nel 2006 vince il Primo Concorso Internazionale di Bari per “Tamburo solista”.

Parallelamente allo studio classico si è perfezionato nello studio della batteria con Alfredo Golino, Maurizio Dei Lazzaretti e attualmente con Agostino Marangolo, prendendo parte inoltre a numerose Clinic con batteristi di fama mondiale.

Ha collaborato con i maggiori Enti Lirico-Sinfonici Nazionali tra cui il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro dell’Opera di Roma e il Teatro alla Scala di Milano. È stato invitato inoltre a collaborare con la Mahler Chamber Orchestra, London Philarmonic Orchestra e la Quatar Philarmonic Orchestra.

Tiene regolarmente corsi e masterclasses a livello nazionale.

Dal 2009 è percussionista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.santarsiere

VOCI SOMMERSE

Lunedì 16 novembre 2015

Salone del Conservatorio, a partire dalle ore 18

FESTIVAL DI MUSICA CONTEMPORANEA

Voci sommerse”

ore 18:  Scrivere musica oggi - conferenza sulla musica contemporanea tenuta dai Maestri Federico Gardella, Giuseppe Gigante e Riccardo Panfili.

Nel primo dei tre appuntamenti del Festival di Musica Contemporanea "Voci Sommerse" si parlerà del ruolo attuale del compositore, dell'esigenza di creare nuova musica e dell'inevitabile rapporto con le opere e con i compositori del passato.

 

ore 20: conferenza-concerto del pianista Alfonso Alberti sul tema:

Percorsi del pianoforte oggi

Alessandro Solbiati (1956) Interludi (2000-2006, selezione)

György Kurtág (1926) Játekok (1973-...., selezione)

Gabriele Manca (1957) Studi meccanici (2003, selezione)

Toshio Hosokawa (1955) “Haiku” for Pierre Boulez (2000-2003)

Giorgio Gaslini (1929-2014) dai Fiori musicali (2012): “Gensara”

Salvatore Sciarrino (1947) Perduto in una città d'acque (1991)

Hugues Dufourt (1943) Rastlose Liebe (2000)

Nella conferenza-concerto sono rappresentate diverse vie del comporre e del pensare il pianoforte: dal quieto (ma altrove fulmineo e aspro) discorrere di György Kurtág, allo studio di una sintassi significante ancorata agli archetipi del linguaggio in Alessandro Solbiati; dall’esplorazione della simbologia acquatica in Salvatore Sciarrino alle ossessioni meccaniche, che sfidano i paradossi del tempo, di Gabriele Manca; dai gesti arcani di Toshio Hosokawa all’asciutta (spesso dura) riflessione sulla storia di Hugues Dufourt e ancora alla “musica totale” di Giorgio Gaslini.

Sette autori per riflettere su uno strumento e sulla fascinazione che oggi non smette di esercitare sulle nuove generazioni di compositori.

 

 

Alfonso Alberti suona (il pianoforte) e scrive (libri sulla musica). Sua grande passione è la musica d'oggi, nella convinzione che essa sia un'opportunità formidabile per capire il tempo che ci troviamo a vivere, e noi stessi che viviamo in questo tempo. I suoi programmi da recital amano tessere rapporti fra le diverse epoche, con l'intento di mostrare l'unità del percorso storico musicale. Gli sono state affidate più di cento prime esecuzioni assolute per pianoforte solo e per pianoforte e orchestra, fra cui anche opere riscoperte di protagonisti del Novecento come Giacinto Scelsi, Niccolò Castiglioni, Giuseppe Sinopoli. Ha suonato in luoghi come il Konzerthaus di Vien- na, il LACMA di Los Angeles, il Teatro Dal Verme e la Sala Verdi del Conservatorio di Milano, il Teatro Bibiena di Mantova, la Tonhalle di Düsseldorf; fra i direttori con cui ha collaborato vi sono Tito Ceccherini, Gustav Kuhn, Andrea Pestalozza, Flavio Emilio Scogna, Yoichi Sugiyama, Arturo Tamayo, Pierre-André Valade. Ha pubblicato più di venti dischi solistici e cameristici, ultimo fra questi Matthias Pintscher. On a clear day, edito da Stradivarius. Per la stessa etichetta, il cd col Concerto per pianoforte e orchestra di Goffredo Petrassi (Orchestra della RAI, direttore Arturo Tamayo) ha vinto il Premio della critica come miglior disco 2012 in Italia. Fra gli altri dischi solistici vi sono Cangianti (musiche di Niccolò Castiglioni), Dispositions furtives (Gérard Pesson) e Stanze (Osvaldo Coluccino) editi da Col legno, e Giorgio Gaslini. Piano Works e Alessandro Solbiati. Piano Works (quest’ultimo in collaborazione con la pianista Emanuela Piemonti) per Stradivarius. Stretta è anche la collaborazione con la web-tv Limenmusic, per la quale realizza regolarmente video musicali. Un particolare indirizzo del suo repertorio riguarda i rapporti fra la musica e altre arti. Programmi di questo genere sono stati ospitati da luoghi simbolo per le arti visive, come la Peggy Guggenheim Collection a Venezia, il Castello di Rivoli, il Museo Poldi Pezzoli e la Galleria d’Arte Moderna a Milano e Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo, capolavoro giovanile di Andrea Palladio e patrimonio dell’UNESCO. Intensa è anche l'attività cameristica, principalmente in duo pianistico con Anna D’Errico e sempre in duo con la clarinettista Selene Framarin; è inoltre membro stabile dell’Ensemble Prometeo e collabora occasionalmente con altre formazioni (fra di esse Klangforum Wien). Alfonso Alberti pubblica libri per gli editori LIM e L’Epos e cura edizioni musicali per Ricordi e Durand. Nel corso del Festival di Milano Musica 2012 si è presentato il suo ultimo libro La rosa è senza perché. Niccolò Castiglioni, 1966-1996, edito da LIM, che porta a termine la ricerca storica e poetica sul compositore milanese cominciata nel 2007 con Niccolò Castiglioni, 1950-1966. Altri suoi libri sono Vladimir Horowitz (L’Epos, 2008) e Le sonate di Claude Debussy (LIM, 2008). Alfonso Alberti ama il genere del concerto dialogato, in cui presentare al pubblico i caratteri mutevolissimi del repertorio pianistico e offrire chiavi di lettura sempre nuove. Il suo ideale è un ascolto consapevole che si addentri sempre più a fondo nei significati della musica e nei suoi labirinti. Nel 2010 il canale televisivo Sky Classica gli ha dedicato un documentario per la serie Notevoli. Alfonso Alberti ama le sfide della mente, è un appassionato solutore di enigmi e un buon conoscitore del giallo classico all'inglese.alberti

DAL TESTO ALLA VOCE

da venerdì 16 a sabato 31 ottobre 2015
Salone del Conservatorio e Salone di S.Antonio
DAL TESTO ALLA VOCE
Itinerari letterari nel repertorio operistico 
Incontri il 16, 17, 23, 24 30 ottobre sempre dalle 15 alle 18
Concerto finale il 31 ottobre alle ore 20

“Dal testo alla voce” è un itinerario di consapevolezza letteraria per gli allievi cantanti. 
Capita, a volte, di ritrovarsi ad affrontare arie del grande repertorio operistico senza approfondire veramente il senso di ciò che siamo chiamati ad interpretare o la sua origine letteraria. Il tempo a disposizione non è mai sufficiente, in Conservatorio come a casa, e la nostra consapevolezza personale e professionale si ferma, spesso, ad una comprensione superficiale del brano. Questo progetto vuole essere un supporto per la formazione dei giovani cantanti. Sceglieremo un programma di arie (tra quelle in repertorio al singolo studente) e ne approfondiremo, dopo un’attenta analisi linguistica e ortoepica, le fonti, in maniera tale da dare all’esecutore piena consapevolezza e libertà interpretativa. Comprendere meglio significa far comprendere meglio; comprendere meglio significa cantar meglio.
Il progetto è rivolto principalmente agli studenti dei corsi di canto del previgente e nuovo ordinamento. Visto il coinvolgimento degli allievi cantanti, si favorirà la partecipazione degli allievi pianisti accompagnatori, come pure degli iscritti al corso di Direzione d’orchestra che ne facciano richiesta. Tutti gli altri studenti interessati saranno ammessi in qualità di uditori.

COME SI SVOLGERÀ
Il progetto si articolerà in cinque incontri di 3 ore ciascuno, secondo il seguente calendario:

Venerdì 16 e sabato 17 ottobre dalle 15 alle 18
Venerdì 23 e sabato 24 ottobre dalle 15 alle 18
Venerdì 30 ottobre dalle 15 alle 18

Sabato 31 ottobre alle ore 20 nel Salone del Conservatorio avrà luogo una LEZIONE - CONCERTO FINALE con il coinvolgimento di tutti i partecipanti 
Gli incontri saranno guidati da Maurizio Pellegrini (Accademia de’ Filodrammatici di Milano) e realizzati col supporto dell’Associazione Culturale Epos Teatro che provvederà all’organizzazione del concerto finale e ad ospitare il regista Roberto Recchia per un confronto diretto con i partecipanti.testo voce

Il NOh e la musica contemporanea

Mercoledì 14 ottobre 2015
Salone del Conservatorio, ore 10
IL NOH E LA MUSICA CONTEMPORANEA 
Conferenza di Ryoko Aoki

Nella conferenza, tenuta in inglese con traduzione, Ryoko Aoki (Noh performer) presenterà le principali caratteristiche del “Noh”, un’antichissima forma di teatro giapponese che unisce il canto e la danza, discutendo altresì dei possibili intrecci tra questa particolare forma d’arte e la musica contemporanea.

Ingresso liberonoh

Violino nella musica contemporanea

Martedì 13 Ottobre 2015, Salone del Conservatorio
IL VIOLINO NELLA MUSICA CONTEMPORANEA
Masterclass di Marco Fusi dalle ore 14 alle 17
Concerto alle ore 20

La Masterclass, organizzata dalle classi di Composizione del Conservatorio “Nino Rota”, prevede una lettura pubblica di tutte le composizioni per violino scritte dagli studenti del Conservatorio a seguito del primo incontro, svoltosi lo scorso 18 febbraio. Nel concerto conclusivo della Masterclass, Marco Fusi eseguirà quattro composizioni degli studenti (selezionate da un’apposita commissione) affiancate ad alcune opere centrali del repertorio violinistico contemporaneo, quali:

Franco Donatoni: Ciglio
Helmut Lachenmann: Toccatina
Salvatore Sciarrino - Sei Capriccifusi 2

masterclass di Chitarra (2)

Dal 9 al 12 settembre si svolge la masterclass Erasmus di Chitarra tenuta dal M° Eduardo Pascual Diez (Spagna). Al suo interno, un seminario sul tema: La musica spagnola per Vihuela del Rinascimento ed un concerto finale.

 

Eduardo Pascual Diez, nato a Torrelavega, Cantabria. Diplomato al Reale Conservatorio Superior di Musica di Madrid. Ottiene il Certificato di Attitudine Pedagogico pressol'Università Complutense di Madrid. Post-lauream in Chitarra presso Conservatorio di Musica di Salamanca, sotto la direzione di Jaime Catala, specializzato nelle opere per liuto di John Dowland (1563-1626). Ha completato gli studi di dottorato presso l'Università Autonoma di Madrid, dedicati alla ricerca sulla vita e l'opera del vihuelista e compositore Esteban Daza (Valladolid c.1537-1591_1596). Ha affinato la sua tecnica con maestri David Russell, Demetrio Ballesteros e Jose Luis Rodrigo.

È stato premiato al Concorso Internazionale di Chitarra Ataulfo Argenta, nelle categorie di musica da camera e chitarra solista, celebrato a Castro Urdiales, Cantabria.

Attualmente vive a Valladolid, dove è docente presso il Conservatorio di Musica dal 1992. E 'stato docente di chitarra nei Conservatori di Burgos, Ponferrada (León), Palencia, e la ScuolaMunicipale di Musica Antonio Baciero in Aranda de Duero, Burgos , (1996-2007), dove fu anche direttore del Conservatorio.

Dal 1997, è direttore artistico del Festival e Concorso Internazionale di Chitarra Villa de Aranda, Burgos e il Festival Internazionale di Chitarra Esteban Daza, a Valladolid, dal 2010, insieme al suo manager Daliborka Obradovic.

Abitualmente è membro di giuria in importanti concorsi internazionali di chitarra, tra i quali; Guitar Foundation of America (GFA, Montreal, Canada), JoAnn Falleta Chitarra Concerto Competition (Buffalo, New York, USA), Grifyce-Trzebiatów, (Polonia), Rust (Austria), XmasChitarra Contest (Lecce), Fiuggi Concorso di Chitarra, Reggio Calabria (Italia), Vivace-Perù (Lima, Perù), Kutna Hora (Repubblica Ceca), Morelia International Guitar, Chitarra Senza Frontiere ... a Chihuahua (Messico), etc

Fa parte del duo Epiphonus, con il violinista polacco Piotr Witkowski; Duo Nachschlag, con il serbo NebojsaSlavic, al contrabbasso; Trio Camerata EPIPHONUS, composto da Piotr Witkowski al violino e il violoncellista Alberto Mateo; Trio Camerata NACHSCHLAG, insieme a Cristina Alecu (Ayte. Concertino dell´OSCYL) e il bassista Nebojsa Slavic (OSCYL) and ARCORDI StringQuintet , colabora inoltre con Marc Charpentier, viola; e Joanna Zagrodzka, e i possessori dell'Orchestra Sinfonica di Castilla y León (OSCYL)

Compositori come, Victor Hugo Nopo, Roberto Fabbri, Uros Dojcinovic, Sandro Di Stefano e Sabino De Bari, gli hanno dedicato loro opere.

Ha tenuto concerti in auditori e teatri in Europa, Canada, Stati Uniti d'America, Centro e Sud America,

In Italia, Firenze; Roma, Padova, Todi, Lecce, Reggio Calabria, Cosenza ecc.

Ha registrato per diverse TV e Radio.

Eduardo Pascual suona con chitarre Manuel Contreras "25th Anniversary" (1995), Gabriel HernandezJimenez (Paracho, Messico) e Armin HANIKA (Germany), ed è sponsorizzato da Valenciana Strings, VeerkampHouse, Mexico DF, e da Chitarre Alhambra, Spagna. diez

Masterclass di Sax

hekkema

da martedì 14 a giovedì 16 luglio 2015
Salone del Conservatorio
INCONTRO CON RAAF HEKKEMA
a cura della Scuola di Sassofono

Martedì 14 luglio
ore 19: Concerto allievi Masterclass 
con la partecipazione straordinaria di RAAF HEKKEMAMercoledì 15 luglio
ore 9.30-12.30 e 15-18: Masterclass
ore 19: Concerto degli allieviGiovedì 16 luglio
ore 9.30-12.30 e 15-18: MasterclassRAAF HEKKEMA, vincitore di numerosi premi, ha uno spirito avventuroso … sia che suoni il concerto per violino di Paganini con l'orchestra, sia che esplori microtoni al sassofono, che sveli i disumani complessi enigmi musicali matematici di Conlon Nancarrow per pianola … Hekkema non batte ciglio. 
Esegue circa 100 concerti l’anno in tutto il mondo, proponendo principalmente suoi arrangiamenti. Hekkema si è esibito come solista con numerose orchestre e ha tenuto molte masterclass internazionali. Con il CD Capricci di Paganini per Sassofono (MDG, 2006) ha ottenuto il premio ”German Echo Klassik” come strumentista dell'anno. Le sue composizioni e arrangiamenti sono pubblicate da Schott Music.
Nel 2014, è uscito il suo nuovo cd dedicato alle partite di Bach arrangiate per sassofono solo. 
Hekkema è co-fondatore del Calefax Reed Quintet (dal 1985), per il quale ha arrangiato centinaia di opere, molte delle quali sono state incise. Il repertorio del Calefax abbraccia nove secoli, dalla improvvisazione alla musica classica e contemporanea. Inoltre, il quintetto ha avviato progetti con artisti illustri provenienti dal mondo del teatro, danza, cinema, animazione, così come quelli con diversi background musicali. Calefax ha preso lezioni e lavorato con esperti nel campo della musica antica, tra cui Paul Van Nevel, Bartold e Sigiswald Kuijken, Jan-Willem de Vriend e Frans Brüggen.
L'ensemble svolge attività in sale da concerto importanti in tutto il mondo, dal Sud America al Giappone, appare regolarmente alla radio, alla televisione internazionale ed ha al suo attivo una collezione impressionante di incisioni discografiche. Calefax è stato anche il destinatario di numerosi premi e riconoscimenti. Grazie alla decennale collaborazione con i membri del Calefax, i quali hanno studiato con i migliori strumentisti a fiato della Concertgebouw Orchestra, il modo di suonare di Hekkema ha assunto un carattere musicale diverso da qualsiasi altro sassofonista. A partire dal 2014, Raaf Hekkema è capo del dipartimento di sassofono presso il “Royal Conservatory The Hague”.

MASTERCLASS DI ORGANO M°MACINANTI

MASTERCLASS DI ORGANO COL M°

ANDREA MACINANTI

L’opera organistica di Marco Enrico Bossi nel 90° anniversario dalla nascita

MONOPOLI (BA), dal 25 al 27 MAGGIO 2015

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

La Masterclass si svolgerà dal 25 al 27 maggio 2015, mattina e pomeriggio negli orari da stabilire col docente al momento, presso il Salone del Conservatorio “Nino Rota” sull’Organo Zanin 2011.

La partecipazione, oltre ad essere riservata agli studenti interni del Conservatorio “Nino Rota” è anche aperta a studenti esterni che potranno parteciparvi in qualità sia di allievi effettivi che di uditori, previo versamento di una quota di adesione pari a € 70,00 per gli effettivi e ad € 30,00 per gli uditori.

La quota di iscrizione, non rimborsabile, potrà essere versata:

  • tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN:

IT 96 I 05385 41570 000002878873

  • oppure tramite versamento sul c/c postale numero 13800743 intestato a Conservatorio di Musica “Nino Rota” – Monopoli (BA)

Indicando in entrambi i casi come causale di versamento “Contributo master-class Macinanti” e se si partecipa in qualità di allievo effettivo o uditore.

Copia dell’attestazione di versamento dovrà essere inviata acclusa alla domanda di partecipazione.

ISCRIZIONE

Gli interessati dovranno fare pervenire la propria iscrizione entro il 23 maggio, specificando se intendono partecipare come allievi effettivi o uditori.

La domanda di iscrizione dovrà essere redatta secondo la scheda allegata, e corredata da:

  • copia dell’attestazione di versamento della quota di adesione.
  • generalità e curriculum vitae;
  • programma da suonare durante il corso;

e dovrà essere spedita a:

Conservatorio di Musica “Nino Rota”

Piazza S. Antonio n.27

70043 Monopoli (BA)

Tel. 080/9303607 – 080/4170791 – Fax: 080/9303366

oppure per posta elettronica all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DESCRIZIONE DELL’ORGANO ZANIN 2011 DEL CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA” DI MONOPOLI CHE SARA’ UTILIZZATO PER IL CORSO

Organo costruito dalla ditta Zanin nell’anno 2011 ubicato sul piano calpestabile dell’aula.

Due tastiere cromatiche di 61 tasti (Do1- Do6), pedaliera concava parallela di 32 pedali (Do1- Sol3), trasmissione meccanica per le tastiere e pedaliera, elettronica per i registri.

Lo strumento possiede 10 x 999 combinazioni aggiustabili. Attraverso un visualizzatore luminoso posto frontalmente al centro della consolle fra il II manuale ed il leggio, è possibile controllare sia il crescendo che le combinazioni aggiustabili.

I comandi dei registri sono del tipo pomelli a tirante, collocati su quattro file, due sul lato sinistro della consolle, due sul lato destro secondo la seguente disposizione e numerazione:

LATO SINISTRO:                                                     LATO DESTRO: 

Fila esterna (G.O. I man.):      Fila interna (Unioni):    Fila interna (Pedale):   Fila esterna (Espr. II man.):

1 Bourdon 16’                         11 Unione I/P             14 Contrebasse 16’    20 Bourdon 8’

2 Montre 8’                             12 Unione II/P            15 Soubasse 16’         21 Gambe 8’

3 Prestant 4’                           13 Unione I/II              16 Bourdon 8’             22 Flute octaviante 4’

4 Doublette 2’                                                            17 Basse 8’                 23 Nazard 2, 2/3’

5 Forniture 4 f.                                                           18 Octave 4’               24 Flute 2’

6 Sesquialtera 2 f.                                                     19 Basson 16’             25 Tierce 1, 1/3’

7 Flute Harmonique 8’                                                                                  26 Plein jeu 2 f.

8 Flute 4’                                                                                                       27 Voix céleste 8’

9 Fagott 16’                                                                                                   28 Hautbois 8’

10 Trompette 8’                                                                                            29 Tremblant

ACCESSORI sul frontalino del G.O.

15 pistoncini:

Fissatore – (- del sequencer) – 10 combinazioni aggiustabili – (+ del sequencer) – Tutti – Annullatore generale

 ACCESSORI nella parte inferiore della consolle:

LATO SINISTRO: 4 pedaletti                             AL CENTRO: 2 staffe               LATO DESTRO: 2 pedaletti

I+Ped. – II+Ped. – II+I – (- del sequencer)      Graduatore – Espressione               (+ del sequencer) – Tutti

Al Direttore del Conservatorio di Musica “Nino Rota”

MONOPOLI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

ALLA MASTERCLASS DI ORGANO COL M° ANDREA MACINANTI

MONOPOLI (BA), 25-27 MAGGIO 2015

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

Il/la sottoscritt___________________________________________

nat_ a__________________________   prov.___, il____________,

residente a____________________________________ prov.____, CAP________, in via____________________________________, telefono____________, indirizzo e-mail______________________,

CHIEDE

di essere ammess__ a partecipare in qualità di alliev__ effettivo/uditore* alla Masterclass col M° Andrea Macinanti promossa dal Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dal 25 al 27 maggio 2015.

Allega i seguenti documenti:

  1. Attestazione quota di adesione;
  2. Breve curriculum vitae;
  3. Repertorio che si intende eseguire durante il Corso.

In fede, (luogo e data)_______________________

Firma____________________________________

*cancellare la voce che non interessaorgano macinanti

Masterclass di clarinetto

Da giovedì 21 a sabato 23 maggio 2015
Salone del Conservatorio

IL CLARINETTO NEL NOVECENTO
Masterclass di CORRADO ORLANDO
I clarinetto dell’Orchestra del Teatro "Carlo Felice" di Genova

La Masterclass è aperta agli allievi del Conservatorio del previgente ordinamento, corsi Accademici e pre-accademici e verterà sulla musica di autori del ‘900. Si concluderà con un concerto al quale accederanno alcuni allievi scelti dal M°Orlando che eseguiranno brani accompagnati dal pianoforte. La masterclass si svolgerà secondo i seguenti orari:

Giovedì 21 e venerdì 22 maggio: dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 19
Sabato 23 maggio: dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 17,30
Sabato 23 maggio, ore 18: Concerto finale dei migliori allievi e consegna degli attestati di partecipazione

Corrado Orlando, attualmente I clarinetto dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, dopo gli studi al Conservatorio di Musica "A.Steffani" di Castelfranco Veneto, frequenta l'Accademia "Lorenzo Perosi" di Biella studiando con Antony Pay e consegue il Diploma di Alto Perfezionamento al Conservatorio Superiore di Lugano nella classe del clarinettista Fabio Di Càsola, del quale diviene assistente ai corsi di perfezionamento. Intensa è l'attività solistica e di musica da camera che lo vede impegnato in recital in Italia, Austria, Svizzera, Germania, Cina, Malesia e Thailandia nonchè ospite di importanti festivals quali: Festival "Settembre Musica"di Torino e Firenze, al "Bologna Festival", per il Musikverein di Regensburg, per il Festival del Teatro A.Roldan dell'Havana, per il Festival di Salisburgo, al 57°Festival Internazionale "Primavera di Praga", al 29° Festival della Valle D'Itria di Martina Franca e al “Ravenna Festival 2008”. Ha collaborato come primo clarinetto con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, con l'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, con l’Orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia, con l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, con l’Orchestra del Teatro Regio di Parma, con l'Orchestra della Fondazione Arena di Verona, con l'Orchestra da Camera di Padova, con l’Orchestra del Musichkollegium Winterthur suonando con direttori quali Claudio Abbado, Lorin Maazel, Giuseppe Sinopoli, M.W.Chung, Gary Bertini, Antonio Pappano, Sir Neville Marriner, Daniel Harding, Zubin Mehta, Fabio Luisi e altri. Nel 1999 ha vinto il concorso di Primo clarinetto nell’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova, ruolo che attualmente ricopre. Ha effettuato registrazioni radiofoniche per Rai Tre, ORF, Radio di Monaco e inciso per Mondo Musica il Quintetto per clarinetto e archi op.115 di J.Brahms. Affianca all’attività concertistica quella didattica tenendo Master Classes e corsi di perfezionamento.

orlando

CORSO DI INTERPRETAZIONE ORGANISTICA

 

MASTERCLASS DI ORGANO COL M°

MATTEO IMBRUNO

MONOPOLI (BA), dal 18 al 22 MAGGIO 2015

CHIESA DEL SACRO CUORE

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

La Masterclass si svolgerà dal 18 al 22 maggio 2015, mattina e pomeriggio negli orari da stabilire col docente al momento:

  • Lunedì 18 maggio, mattino e pomeriggio presso il Salone del Conservatorio “Nino Rota” sull’Organo Zanin 2011.
  • Martedì 19 e mercoledì 20 maggio, al mattino presso il Salone del Conservatorio “Nino Rota” sull’Organo Zanin 2011, il pomeriggio presso la Chiesa del Sacro Cuore sull’Organo Zanin 2000.
  • Giovedì 21 e venerdì 22 maggio, mattino e pomeriggio presso il Salone del Conservatorio “Nino Rota” sull’Organo Zanin 2011.

La partecipazione, oltre ad essere riservata agli studenti interni del Conservatorio “Nino Rota” è anche aperta a studenti esterni che potranno parteciparvi in qualità sia di allievi effettivi che di uditori, previo versamento di una quota di adesione pari a € 70,00 per gli effettivi e ad € 30,00 per gli uditori. Il repertorio è a libera scelta.

La quota di iscrizione, non rimborsabile, potrà essere versata:

  • tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN:

IT 96 I 05385 41570 000002878873

  • oppure tramite versamento sul c/c postale numero 13800743 intestato a Conservatorio di Musica “Nino Rota” – Monopoli (BA)

Indicando in entrambi i casi come causale di versamento “Contributo master-class Imbruno” e se si partecipa in qualità di allievo effettivo o uditore.

Copia dell’attestazione di versamento dovrà essere inviata acclusa alla domanda di partecipazione.

ISCRIZIONE

Gli interessati dovranno fare pervenire la propria iscrizione entro il 15 maggio, specificando se intendono partecipare come allievi effettivi o uditori.

La domanda di iscrizione dovrà essere redatta secondo la scheda allegata, e corredata da:

  • copia dell’attestazione di versamento della quota di adesione.
  • generalità e curriculum vitae;
  • programma da suonare durante il corso;

e dovrà essere spedita a:

Conservatorio di Musica “Nino Rota”

Piazza S. Antonio n.27

70043 Monopoli (BA)

Tel. 080/9303607 – 080/4170791 – Fax: 080/9303366

oppure per posta elettronica all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DESCRIZIONE DEGLI STRUMENTI USATI PER IL CORSO

CHIESA DEL SACRO CUORE

Organo meccanico Francesco Zanin anno 2000 ubicato sul piano calpestabile dell’unica navata della Chiesa e posto a sinistra dell’altare maggiore.

2 manuali di 58 tasti e pedaliera diritta parallela di 30 pedali

Comandi dei registri: pomelli a tirante, collocati a sinistra delle tastiere in due colonne così ordinate:

Colonna sinistra (esterna)                         Colonna destra (interna)

1)Bordone 8’                                                  11)Principale 8’

2)Viola da gamba 8’                                      12)Ottava 4’

3)Flauto 4’                                                      13)Quintadecima 2’

4)Nazardo 2,2/3’ bassi                                   14)Ripieno 4f.

5)Nazardo 2,2/3’ soprani                               15)Sesquialtera

6)Terza 1,3/5’ bassi                                       16)Flauto 8’

7)Terza 1,3/5’ soprani                                    17)Tromba 8’ bassi

8)Principale 2’                                                18)Tromba 8’ soprani

9)Ottava 1’                                                     19)Tromba 8’ al pedale

10)Subbasso 16’ al pedale                            20)Principale 8’ al pedale

Accessori nella parte inferiore della consolle (4 pedaletti):

Lato sinistro                                                                                                           Lato destro

II+I       II+Ped.            I+Ped.                                                                                              Tremolo (su tutto l’organo)

SALONE DEL CONSERVATORIO

Organo costruito dalla ditta Zanin nell’anno 2011 ubicato sul piano calpestabile dell’aula.

Due tastiere cromatiche di 61 tasti (Do1- Do6), pedaliera concava parallela di 32 pedali (Do1- Sol3), trasmissione meccanica per le tastiere e pedaliera, elettronica per i registri.

Lo strumento possiede 10 x 999 combinazioni aggiustabili. Attraverso un visualizzatore luminoso posto frontalmente al centro della consolle fra il II manuale ed il leggio, è possibile controllare sia il crescendo che le combinazioni aggiustabili.

I comandi dei registri sono del tipo pomelli a tirante, collocati su quattro file, due sul lato sinistro della consolle, due sul lato destro secondo la seguente disposizione e numerazione:

LATO SINISTRO:                                                     LATO DESTRO: 

Fila esterna (G.O. I man.):      Fila interna (Unioni):    Fila interna (Pedale):   Fila esterna (Espr. II man.):

1 Bourdon 16’                         11 Unione I/P              14 Contrebasse 16’    20 Bourdon 8’

2 Montre 8’                             12 Unione II/P            15 Soubasse 16’         21 Gambe 8’

3 Prestant 4’                           13 Unione I/II              16 Bourdon 8’             22 Flute octaviante 4’

4 Doublette 2’                                                            17 Basse 8’                 23 Nazard 2, 2/3’

5 Forniture 4 f.                                                           18 Octave 4’               24 Flute 2’

6 Sesquialtera 2 f.                                                     19 Basson 16’             25 Tierce 1, 1/3’

7 Flute Harmonique 8’                                                                                  26 Plein jeu 2 f.

8 Flute 4’                                                                                                       27 Voix céleste 8’

9 Fagott 16’                                                                                                   28 Hautbois 8’

10 Trompette 8’                                                                                            29 Tremblant

ACCESSORI sul frontalino del G.O.

15 pistoncini:

Fissatore – (- del sequencer) – 10 combinazioni aggiustabili – (+ del sequencer) – Tutti – Annullatore generale

 ACCESSORI nella parte inferiore della consolle:

LATO SINISTRO: 4 pedaletti                             AL CENTRO: 2 staffe               LATO DESTRO: 2 pedaletti

I+Ped. – II+Ped. – II+I – (- del sequencer)      Graduatore – Espressione               (+ del sequencer) – Tutti

Al Direttore del Conservatorio di Musica “Nino Rota”

MONOPOLI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

ALLA MASTERCLASS DI ORGANO COL M° MATTEO IMBRUNO

MONOPOLI (BA), 18-22 MAGGIO 2015

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

CHIESA DEL SACRO CUORE

Il/la sottoscritt___________________________________________

nat_ a__________________________   prov.___, il____________,

residente a____________________________________ prov.____, CAP________, in via____________________________________, telefono____________, indirizzo e-mail______________________,

CHIEDE

di essere ammess__ a partecipare in qualità di alliev__ effettivo/uditore* alla Masterclass col M° Matteo Imbruno promossa dal Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dal 18 al 22 maggio 2015.

Allega i seguenti documenti:

  1. Attestazione quota di adesione;
  2. Breve curriculum vitae;
  3. Repertorio che si intende eseguire durante il Corso.

In fede, (luogo e data)_______________________

Firma____________________________________

*cancellare la voce che non interessa

organ

MUSICA AFRO-AMERICANA

PIRAS 2

Da giovedì 7 a sabato 9 maggio 2015
Salone del Conservatorio
dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18
LA PRASSI ESECUTIVA NELLE MUSICHE AFROAMERICANE
Masterclass di Marcello Piras

La masterclass di Marcello Piras riprende e sviluppa quella tenuta dallo stesso docente nel 2014, quando un ensemble di studenti del Conservatorio ha provato e allestito una piccolo programma di ragtime per orchestra da camera, con pagine dei maestri del genere (Scott Joplin, Arthur Marshall, Artie Matthews e altri) nelle autentiche orchestrazioni di inizio Novecento. Il ragtime fu la più importante corrente musicale di influenza africana negli USA intorno al 1900, e si può considerare come il padre di tutti gli stili successivi. Non essendo studiato nei conservatori, esso richiede l'apporto di uno specialista che ne conosca la particolare prassi esecutiva.
Quest'anno si aggiungerà una parte di lavoro riservata ai pianisti. Essa prevede lo studio e l'approfondimento di autori non solo del periodo del ragtime, o suoi discendenti diretti (come George Gershwin), ma anche un'introduzione generale al repertorio e ai suoi maggiori esponenti.

ROTA LECTURES N.1

piras

Venerdì 8 maggio 2015
Salone del Conservatorio, ore 20
SINFONIE AFRO
APPORTI E INFLUENZE DEI NERI NEL REPERTORIO ORCHESTRALE
seminario aperto al pubblico
a cura di Marcello Piras
(primo appuntamento della rassegna Rota Lectures, lezioni “fuori classe”)
Da molto tempo ormai si avverte che il repertorio tradizionale dell'orchestra sinfonica, quello che va più o meno da Corelli a Ravel, è divenuto un rito per abbonati, che ascoltano sempre le stesse cose, rifiutano il Novecento e non trovano altro che li interessi. Le nuove generazioni sentono quel repertorio come rispettabile ma lontano dalla vita di oggi; alcuni tentano improbabili incroci con la musica d'oggi nel tentativo di riportare l'orchestra sinfonica al passo con la realtà. Tutti questi tentativi falliscono perché non si conoscono la storia musicale afro-americana, la sua importanza, i suoi capolavori. Se si conoscessero, si vedrebbe che il problema è stato risolto da un pezzo, basta imboccare la strada giusta. La conversazione di Marcello Piras si propone come un'introduzione concisa a un mondo musicale che viene da un passato antico ma parla al mondo d'oggi in modo più che mai profondo e convincente.

MASTERCLASS DI ORGANO

paganon 

 

MASTERCLASS DI ORGANO CON IL M° LUC PAGANON
"LA MUSICA ORGANISTICA FRANCESE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL PERIODO CLASSICO E ROMANTICO".
CONSERVATORIO DI MUSICA "NINO ROTA", 27 e 28 aprile 2016 dalle 10 alle 16
La partecipazione, oltre ad essere riservata agli studenti interni del Conservatorio "Nino Rota" è anche aperta a studenti esterni che potranno parteciparvi in qualità sia di allievi effettivi che di uditori, previo versamento di una quota di adesione pari a € 70,00 per gli effettivi e ad € 40,00 per gli uditori. Il repertorio è a libera scelta.
La quota di iscrizione, non rimborsabile, potrà essere versata:
tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN:
IT 96 I 05385 41570 000002878873
oppure tramite versamento sul c/c postale numero 13800743 intestato a Conservatorio di Musica "Nino Rota" – Monopoli (BA)
Indicando in entrambi i casi come causale di versamento "Contributo master-class Paganon" e se si partecipa in qualità di allievo effettivo o uditore.
Copia dell'attestazione di versamento dovrà essere inviata acclusa alla domanda di partecipazione.
SCADENZA ISCRIZIONI: 24 APRILE 2015
Per il modulo di domanda d'iscrizione:
www.conservatoriodimonopoli.org

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
ALLA MASTERCLASS DI ORGANO COL M° LUC PAGANON
MONOPOLI (BA), 27-29 APRILE 2015
CONSERVATORIO DI MUSICA "NINO ROTA"
CHIESA DEL SACRO CUORE

Il/la sottoscritt___________________________________________
nat_ a__________________________ prov.___, il____________,
residente a____________________________________ prov.____, CAP________, in via____________________________________, telefono____________, indirizzo e-mail______________________,

CHIEDE

di essere ammess__ a partecipare in qualità di alliev__ effettivo/uditore* alla Masterclass col M° Luc Paganon promossa dal Conservatorio "Nino Rota" di Monopoli dal 27 al 29 aprile 2015.
Allega i seguenti documenti:
1. Attestazione quota di adesione;
2. Breve curriculum vitae;
3. Repertorio che si intende eseguire durante il Corso.

In fede, (luogo e data)_______________________

Firma____________________________________

*cancellare la voce che non interessa

Masterclass di chitarra gipsy

Masterclass - Concerto di Chitarra Gipsy Jazz
Docente Salvatore Russo

22 e 23 Aprile ore 09,30 - 13,30 14,00 - 18,00
• Il seminario prevede:
- analisi della tecnica chitarristica Gypsy Jazz alla sua applicazione pratica attraverso l'esecuzione di alcuni brani del chitarrista Django Reinhardt.
Analisi del repertorio Manouche:
- l'improvvisazione nello stile "sinti" con la spiegazione dei patterns chitarristici più importanti ed efficaci.
- Breve storia del gypsy jazz.
- Cenni storici e costruttivi delle chitarre modello Selmer e Selmer Maccaferri
- Jam Session insieme al M° Salvatore Russo.
- Esecuzione finale dei brani in formazione di orchestra di chitarre.

SALVATORE RUSSO

Chitarrista di fama internazionale ha suonato e collaborato con molti dei più importanti cantautori della scena nazionale italiana, come ADRIANO CELENTANO (ROCKPOLITIK)e ANTONELLO VENDITTI (con registrazione cd e concerti live).Nell' organico orchestrale ha suonato per Maestri del calibro di PINO CARUSO e CELSO VALLI, accompagnando artisti come RAMAZZOTTI, LIGABUE, PATTY SMITH, NANNINI, COCCIANTE.Ha collaborato anche con altri artisti di grande spessore come DE GREGORI (per Mimmo Locasciulli), per MORANDI (in trasmissioni televisive) per la famosa cantante spagnola ANA BELEN (registrazione cd: Piecec de Ciudad insieme al grande bassista ALFREDO PAIXAO, più 1 milione di copie vendute nel mondo), YOUSSOU NDOUR, PHIL PALMER, MICHAEL THOMPSON. Attualmente collabora anche con il grande cantautore FRANCO SIMONE.

Come CHITARRISTA SOLISTA, ha registrato 3 cd.
Il primo del 1999 dal titolo omonimo SALVATORE RUSSO edito dalla VIRTUOSO RECORDS. Il secondo, nel 2004 dal titolo CONTACT edito dalla rivista per chitarristi di tiratura nazionale AXE MAGAZINE. Il terzo del 2009 con la collaborazione del chitarrista Franco Speciale e insieme al più grande esponente mondiale della chitarra jazz acustica STOCHELO ROSENBERG, cd dal titolo LA TOUCHE MANOUCHE edito da SAINT LOUIS JAZZ COLLECTION di Roma e distribuito su scala mondiale dalla EGEA RECORDS.
Come DIDATTA, ha insegnato per l' UM (Università della Musica) di Roma dal 1994 al 1998. Successivamente per il SAINT LOUIS MUSIC COLLEGE di Roma fino al 2002.Attualmente è DIRETTORE DIDATTICO del SLMC nella sede distaccata di Brindisi.SALVATORE RUSSO è stato recensito più volte dalle più importanti testate giornalistiche nazionali come: REPUBBLICA, AXE MAGAZINE, CHITARRE, ROLLING STONES, BLOW UP, STRUMENTI MUSICALI, JAZZIT, MUSICA JAZZ nonchè da moltissimi siti web e radio nazionali ed internazionali che si occupano di musica jazz in tutto il mondo.Salvatore

MASTERCLASS DI QUARTETTO

scala

Masterclass con il Quartetto della Scala

Docenti::
Francesco Manara (violino)
Daniele Pascoletti (violino)
Simonide Braconi (viola)
Massimo Polidori (violoncello)

per strumentisti ad arco (lezioni individuali) e complessi cameristici.

Monopoli, Sede del Conservatorio "N.Rota", dal 30 aprile al 4 maggio 2015
Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Francesco Manara ha frequentato il Conservatorio "G.Verdi" di Torino dove nel 1990 si è diplomato sotto la guida di M.Marin con il massimo dei voti,lode e menzione d'onore.In seguito,grazie ad una borsa di studio conferitagli dalla "De Sono Associazione per la Musica" si è perfezionato con G.Prencipe,F.Gulli,R.Ricci,S.Gheorghiu e ad Amsterdam con H.Krebbers.In formazione di duo violino e pianoforte ha studiato con F.Gulli/E.Cavallo e con P.Amoyal/A.Weissenberg e si è diplomato presso la Scuola Superiore di Musica da Camera del Trio di Trieste,anche in formazione di trio. Nel 1992 è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di Primo Violino Solista dell'Orchestra del Teatro alla Scala ed ha vinto il primo premio al concorso a borse di studio indetto dall'Orchestra Filarmonica della Scala .Nel ruolo di spalla ha collaborato con direttori quali D.Baremboin, F.Bruggen, S.Bychkov, R.Chailly,M.W.Chung, Sir C.Davis, R.F.de Burgos, G.Dudamel, V.Gherghiev, C.M.Giulini, D.Harding, L.Maazel, K.Masur, Z.Metha, R.Muti, S.Ozawa, A.Pappano, G.Pretre, M.Rostropovich, G.Rozdestvenskij,W.Sawallish,G.Sinopoli, J.Temirkanov,R.Ticciati. Ha collaborato in qualita' di Primo Violino Solista con L'Accademia di Santa Cecilia,con la Bayerische Staatsoper Orchester e con la Royal Concertgebauw Orchestra. E' stato premiato in numerosi Concorsi Internazionali tra cui il "J.Joachim"di Hannover,lo "A.Stradivari"di Cremona,lo "L.Spohr"di Freiburg,il "Dong-A"di Seoul,l'"ARD" di Monaco,il "Tchaikovsky"di Mosca(Premio speciale),il "N.Paganini"di Genova (Premio speciale),il CIEM di Ginevra (Primo Premio).Le affermazioni in tali concorsi lo hanno condotto presto verso una brillante carriera solistica che lo ha visto esibirsi con un centinaio di orchestre tra cui l'Orchestra della Suisse Romande,Bayrische Runfunk,Radio di Stoccarda,Radio di Hannover,Wiener Kammerorchester,Tokyo Symphony,Sinfonica Nazionale della RAI e,in più occasioni,la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Muti. Nel 1998 ha debuttato al Lincoln Center di New York con il Concerto op.61 di Beethoven. Il suo repertorio,che spazia da Bach ai contemporanei,comprende anche i 24 Capricci di Paganini, eseguiti integralmente più volte ,e tutte le Sonate e Partite di Bach. Con l'Orchestra di Padova e del Veneto ha inciso il Concerto di B.Compagnoli (Dynamic) e con la Filarmonica della Scala diretta da Muti la Sinfonia Concertante di Mozart (Sony) con il violista Danilo Rossi .Ha inoltre effettuato registrazioni per la Radio di Monaco,per Radio France e per la Suisse Romande. Francesco Manara è il fondatore del "Trio Johannes" con il quale ha inciso l'integrale dei trii con pianoforte di Brahms(per la rivista Amadeus) e il Trio Arciduca di Beethoven.Questa formazione cameristica è stata premiata al Concorso Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste e a quello di Osaka,ed è risultata vincitrice del "Concert Artists Guild Competition" di New York. Nel 2002 il trio ha debuttato alla prestigiosa "Carnegie Hall"di New York. Dal 2001 Francesco Manara è inoltre il Primo Violino del "Quartetto d'Archi della Scala",con il quale si è già esibito in tutta Italia e ha effettuato tourneè in Sudamerica,Giappone,Stati Uniti,Francia,Germania,Svizzera. Docente di violino presso l'Accademia della Scala, la Scuola Musicale di Milano e l'Accademia di Alto Perfezionamento di Portogruaro,è stato invitato a tenere masterclass negli Stati Uniti(alla Manhattan School di New York),in Giappone,Colombia e Venezuela e ha tenuto corsi di qualificazione professionale per orchestra presso la Scuola di Musica di Fiesole e il Laboratorio Sperimentale di Spoleto,e corsi di violino all'Istituto Superiore di Musica "L.Perosi"di Biella. La famosa rivista "The Strad",che lo ha più volte recensito,lo ha definito "un artista di notevole sincerità e profondità ,pronto ad affrontare i più importanti palcoscenici del mondo ".

Suona un violino Giovanbattista Guadagnini del 1773.

Daniele Pascoletti, diplomatosi sotto la guida del M° Enzo Porta presso il Conservatorio "A.Boito" di Parma, partecipa a numerosi corsi di perfezionamento in Italia e all'estero, tra i quali la "Aspen Music School" e il "Tanglewood Music Center", frequentando le masterclass dei Maestri Honeck, Magad, Blacher, Vernikov, Delay e concludendo i suoi studi con il M° Lukas Hagen a Salisburgo, esibendosi come miglior violinista dell'Accademia in veste di solista alla Grosser Saal del Mozarteum. Premiato al concorso "S.Omizzolo" di Padova del 1998, nel 1999 entra a far parte della "G.Mahler Jugendorkester" collaborando con direttori quali Abbado, Ozawa, Boulez. Partecipa come violino di spalla all'Accademia GMJO di Bolzano. In seguito vince il I premio al concorso "D.Caravita" di Fusignano e il concorso per seconda spalla dell'Orchestra Sinfonica "Haydn" di Trento e bolzano, partecipando al corso di perfezionamento dell'Accademia musicale Chigiana tenuto dal M° Uto Ughi. Nel 2001 vince il concorso di concertino dell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e l'audizione per spalla all'Orchestra Sinfonica Siciliana e viene premiato al concorso internazionale "R.Lipizer". Nel 2003 ottiene il II premio al concorso nazionale "Premio Città di Vittorio Veneto" e il premio speciale "F.Gulli" per la migliore esecuzione del concerto di Mozart. Nello stesso anno vince il concorso per concertino presso l'Orchestra del Teatro alla Scala e il concorso per violino di spalla presso il Teatro Lirico di Cagliari. Quale membro fondatore del David Trio, ottiene il I premio assoluto e il premio speciale per la migliore esecuzione dei trii di Haydn al concorso internazionale per trio con pianoforte "F.J.Haydn" di Vienna, il I premio al concorso internazionale di musica da camera "Yellow Springs" (Ohio), il III premio al concorso "Trio di Trieste" con premio speciale "A.Baldovino" per la migliore esecuzione di un'opera di Brahms, e il I premio e premio del pubblico al concorso internazionale di musica da camera di Chesapeake (Maryland). Con il Trio si esibisce in importanti stagioni e festival (Festival Casals di Prades, Festival di Porrentruy, Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Olimpico di Vicenza, Concerti del Quirinale RAI-Radio3, Festival Allegro vivo, Cameralia07, Montpellier-radio france...), effettuando una tournée in Sud America con entusiastici consensi di critica e di pubblico. Incide l'integrale dei Trii di Schubert per Altara e debutta al Concertgebow nel 2010. Recente il successo della pubblicazione dei trii di Ciaikowskj e Shostakovic per Stradivarius. È stato chiamato a collaborare già come Violino di Spalla con le Orchestre Haydn di Bolzano e Trento, Sinfonica Siciliana, Teatro Lirico di cagliari,l Teatro Verdi di Trieste, Fenice di Venezia, Mahler Chamber Orchestra, Filarmonica della Scala e Orchestra del Teatro alla Scala.

Suona un violino Fratelli Amati del 1590.

Simonide Braconi, romano, ha compiuto i suoi studi musicali sotto la guida di solisti di fama internazionale quali B. Giuranna, J. Bashmet e K. Kashkashian, diplomandosi con lode e menzione d' onore presso il Conservatorio di Roma, la Hochschule di Freiburg (Germania) e l'Accademia Chigiana di Siena. Premiato in diversi concorsi solistici internazionali ("L. Tertis" , Colonia, ecc.), nel 1994 è stato prescelto dal Maestro R. Muti come Prima viola nell' orchestra del Teatro alla Scala. Ha inciso da solista e in musica da camera per le etichette Vigiesse, Thymallus, Agorà, Stradivarius, Dad, Dynamic, Fonè, Decca e Tudor oltre a diverse registrazioni per Radio 3, RAI Radiotelevisione italiana, Rete4 e per le riviste CD Classica ed Amadeus. In musica da camera ha collaborato con artisti quali S.Accardo, M.Quarta, J.Rachlin, T.Brandis, M.Rizzi, A.Sitzkovesky, U. Ughi, I.Faust, P.Vernikov, D.Nordio, B.Canino, J.Swann, B.Petruchanski, A.Lucchesini, P. Restani, R.Filippini, E.Dindo, N.Gutman, F.Petracchi, e da solista con direttori tra i quali W.Sawallisch e R.Muti. Insieme alle altre prime parti dell' orchestra ha costituito il Quartetto d' archi della Scala, suonando nelle piu importanti associazioni concertistiche in Italia e all'estero. Membro di giurie in diversi concorsi internazionali (tra cui Ginevra), è invitato a tenere corsi presso importanti istituzioni ( Arts academy a Roma, Festival delle citta' a Portogruaro, Gubbio Festival, Accademia "T. Varga" a Sion, Accademia Perosi di Biella, Associazione Napolinova). E' docente presso la Milano Music Master.

Suona una viola Giovanni Gagliano (1800) della Fondazione Pro Canale onlus.

Massimo Polidori, nato a Torino, compie i primi studi con il Maestro R. Brancaleon nel conservatorio della sua città, diplomandosi in violoncello con il massimo dei voti. Successivamente si perfeziona con i maestri A. Janigro, M. Brunello, D. Shafran, vincendo nel 1996 il primo premio di virtuosità al Conservatorio di Ginevra sotto la guida di Daniel Gronsgurin. Da 1995 e per i cinque anni successivi ricopre il posto di primo violoncello solista della "Camerata Bern", gruppo con il quale effettua tournée in tutto il mondo con musicisti di grande valore quali A. Shiff, H. Holliger, P. Serkin, A. Chumachenco e T. Zethmair, incidendo per la Decca, Berlin Classic e Philips. Nel febbraio 2000 viene scelto dal Maestro Riccardo Muti per ricopprire il ruolo di primo violoncello dell'Orchestra del Teatro alla Scala. Da sempre impegnato nell'approfondimento del repertorio da camera, fondatore del Trio Johannes. È docente presso l'Accademia di Perfezionamento per professori d'orchestra del Teatro alla Scala.

Il Quartetto della Scala

La prima formazione del Quartetto d' archi della Scala è storica e risale al 1953, quando le prime parti sentirono l' esigenza di sviluppare un importante discorso musicale cameristico seguendo l' esempio delle più grandi orchestre del mondo. Nel corso dei decenni il Quartetto d' archi della Scala è stato protagonista di importanti eventi musicali e registrazioni;; dopo qualche anno di pausa, nel 2001, quattro giovani musicisti, già vincitori di concorsi solistici internazionali e prime parti dell' Orchestra del Teatro, decidono di ridar vita a questa prestigiosa formazione, sviluppando le loro affinità musicali già consolidate all' interno dell' Orchestra, elevandole nella massima espressione cameristica quale è il quartetto d' archi. Numerosi i loro concerti per alcune tra le più prestigiose associazioni concertistiche in Italia (MusicaInsieme a Bologna, Serate Musicali, Società dei concerti e stagione "Cantelli" a Milano, Associazione Scarlatti a Napoli, Sagra Malatestiana a Rimini, Festival delle Nazioni a Città di Castello, Settimane musicali di Stresa, Asolo musica, Estate Musicale a Portoguaro, Teatro La Fenice e Malibran a Venezia, Ravenna Festival, Amici della musica di Palermo, Teatro Bellini a Catania, Stagione del Teatro alla Scala, Teatro Sociale a Como ecc.) e all' estero (Brasile, Perù, Argentina, Uruguay, Giappone, Stati Uniti, Croazia, Germania, Francia, Spagna, Austria ecc.). Hanno collaborato con pianisti del calibro di Bruno Canino, Jeffrey Swann, Angela Hewitt, Paolo Restani e Bruno Campanella. Numerose le loro prime esecuzioni di compositori contemporanei quali Boccadoro, Campogrande, Francesconi, Di Gesu, Betta e Vlad. Nel 2008 fanno il loro esordio, con un concerto, al prestigioso Mozarteum di Salisburgo e nello stesso anno ricevono il premio "Città di Como" per i loro impegni artistici. Nel 2012, vincono il premio della critica argentina come miglior gruppo straniero ad essersi esibito in SudAmerica nel 2011. Hanno inciso per l' etichetta DAD, Fone', per la rivista musicale Amadeus , per il giornale "La Provincia" di Cremona dove hanno suonato i preziosi strumenti del museo e per Radio 3. Nel 2011 il loro disco dedicato ai piano quintetti di Brahms e Schumann registrato per la Decca è stato recensito 5 stelle cd Amadeus dalla omonima rivista. Ha scritto di loro il M. Riccardo Muti: "..quartetto di rara eccellenza tecnica e musicale, .....la bellezza del suono e la preziosa cantabilità, propria di chi ha grande dimistichezza anche con il mondo dell' opera, ne fanno un gruppo da ascoltare con particolare gioia ed emozione".

Masterclass di ance

MASTERCLASS di ance
Pedro José HERRERO - oboe
Rafa Albert - clarinetto
José Antonio Cremades - fagotto
del Conservatorio "Oscar Esplà" di Alicante (Spagna)

13 aprile dalle 15 alle 20

14 aprile dalle 9 alle 13

 Sede del Conservatorio

Sono previste lezioni individuali di oboe, clarinetto e fagotto, nonché lezioni di musica da camera del M° Herrero (oboe) in collaborazione con i nostri docenti Cosimo Larocca (13 aprile pomeriggio) e Domenico Di Leo (14 aprile mattina).alicante

Laboratorio di Organaria

Dal 15 al 17 aprile 2015, dalle 15 alle 19, Sede del Conservatorio

organaria
di PIERFRANCESCO PAGLIARULO
Restauratore di organi storici a canne, organista

(a cura della Prof.ssa Margherita SCIDDURLO)

Alcuni degli argomenti in programma:
Nozioni elementari di acustica, dinamica dei fluidi, meccanica.
Struttura e composizione di un organo; le sue componenti generali; funzionamento.
Materiali di fabbricazione, tradizionali e moderni, della meccanica di un organo e delle canne.
Funzionamento dell'organo; perché, fino alla nascita del computer, è stata la macchina più complessa mai realizzata.
Funzionamento generico del somiere: cos'è, perché esiste, che tipi si trovano più frequentemente.
Sistemi trasmissivi: meccanici; pneumatici; elettrici/elettromeccanici.
Funzionamento di una canna d'organo labiale.
I registri labiali: famiglie dei registri in generale; proporzioni e geometrie delle canne.
Funzionamento di una canna d'organo ad ancia.
I registri ad ancia: famiglie dei registri; tipologie dei colori timbrici più diffusi; proporzioni e geometrie delle canne.
Le frequenze; rapporti tra frequenze; i temperamenti; l'accordatura.
Un po' di storia: i perché di determinati strumenti per determinate letterature; le teorie degli "affetti".
Limiti e incongruenze di organari e organi antichi e moderni; esigenze teoriche; compromessi reali.
Attualità: bellezza e magia di un organo nuovo; oltre l'uso liturgico: perché è sempre preferibile costruirlo bene; l'importanza del restauro degli organi storici.
Esempi pratici di intonazione di canne labiali.
Esempi teorici di intonazione di canne ad ancia.
Prove pratiche minime di accordatura (se possibile).
Prove pratiche di riscontro dei tipi di intonazione su uno strumento reale; i gusti timbrici e di pronuncia delle canne; l'intonazione e la timbrica nei principali Paesi europei.

MASTERCLASS DI TAMBURO

MASTERCLASS DI TAMBURO
del M° BENIAMINO FORESTIERE
25 marzo 2015, dalle 14 alle 20, aula 25
Per gli studenti interni percussionisti

"ANALISI STORICA DEL REPERTORIO E DELLA TECNICA DEL TAMBURO"

1ª PARTE
INTRODUZIONE: DESCRIZIONI DELLE TECNICHE, SCRITTURA DEL TAMBURO,
LE PERMUTAZIONI, METODOLOGIE, TECNOLOGIA DELLE BACCHETTE.
PRESENTAZIONE DEL METODO : "EURORUDIMENTS per tamburo"
CON DIMOSTRAZIONE DEI RUDIMENTS CONTENUTI
(SCUOLA SVIZZERA, FRANCESE E AMERICANA)FORESTIERE

2ª PARTE
ANALISI STORICA DEL REPERTORIO PERIODO: 1500 – 1900. COMPOSITORI ILLUSTRI CHE HANNO SCRITTO PER TAMBURO.
LE COMPOSIZIONI FRANCESI E SVIZZERE PER TAMBURO (1800 - 1900).

NOTAZIONI DEL TEMPO

Martedì 31 marzo 2015, dalle 15 alle 17 e dalle 18 alle 20
Sede Enaip

NOTAZIONI DEL TEMPO:
un'analisi filosofica della forma musicale come divenire

Incontro con il Dott. Pier Alberto Porceddu Cilione
dell'Università di Verona

Pier Alberto Porceddu Cilione è dottorando di ricerca in Filosofia presso l'Università di Verona, si occupa di Filosofia della Musica, Estetica, Filosofia della Cultura e Teoria della traduzione. L'incontro, programmato all'interno del Corso accademico di Analisi compositiva del M° Federico Gardella, è aperto a tutti gli studenti del Conservatorio.notazione

Masterclass” “Solista ed orchestra”

Masterclass” “Solista ed orchestra”

 M° Michele Marvulli

(riservato a pianisti, organisti, clavicembalisti, percussionisti, arpisti, chitarristi, cantanti e strumentisti ad arco)

Date: giovedì 12 - venerdì 13 - sabato 14 marzo 2015

Ore 9.30-13.30 / 16 - 20

Scadenza domanda: sabato 07 marzo

Coloro che non sono iscritti al Conservatorio di Monopoli e desiderano partecipare al corso sia da effettivi che da uditori devono inviare a mezzo posta elettronica domanda di adesione, completa di curriculum e programma, alla referente Prof.ssa Paola Bruni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Gli esterni sono ammessi in base ai posti disponibili, secondo l’ordine di arrivo delle domande.

Il Conservatorio si riserva di non accettare la domanda di iscrizione come effettivo in caso di curriculum non idoneo.

 La prof.ssa Bruni comunicherà l’eventuale accoglimento della domanda agli interessati entro lunedì 09 marzo.

Gli ammessi saranno invitati a versare tempestivamente la quota di frequenza sul c.c.p. n° 13800743 intestato a: Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli.    

Costo master da effettivo: Euro 100,00

Costo master da uditore: Euro 30,00marvulli

MASTERCLASS DI SASSOFONO

MASTERCLASS DI SASSOFONO 2-4 MARZO 2015

Dal Conservatorio « Prince Claus » di Groningen (Olanda) sarà nostro ospite in mobilità Erasmus un docente di sassofono oltre che Direttore d’Orchestra e Coordinatore del Dipartimento di Musica da Camera : il Maestro PETER STAM.
La Masterclass avrà inizio lunedì 2 marzo alle ore 9,30; il Maestro si metterà a disposizione dei nostri allievi per lavorare individualmente sul repertorio per sassofono solista, in duo con pianoforte e in tutta la Musica da Camera compredente qualsiasi formazione con qualsiasi tipo di strumenti.Le lezioni proseguiranno il pomeriggio del 3 marzo e termineranno la mattinata del 4 marzo 2015.
stam

Il violino nella musica contemporanea MARCO FUSI (2)

Masterclass "Il violino nella musica contemporanea" con 
                                  MARCO FUSI
MERCOLEDI' 18 FEBBRAIO, SEDE DEL CONSERVATORIO, ore 10-17
 
Tale masterclass  sarà tenuta dal violinista Marco Fusi, specialista del repertorio violinistico contemporaneo  , che  presenterà ed esemplificherà le principali tecniche di esecuzione tratte dal repertorio violinistico contemporaneo (mostrandone, al contempo, il rapporto tra segno e suono). 
Seguirà un secondo  incontro in autunno che  prevederà una sessione di lettura pubblica di tutti i lavori composti dagli studenti del Conservatorio all’interno della masterclass. Quattro di questi lavori saranno selezionati da una commissione e verranno inclusi nel concerto conclusivo, insieme ad altre composizioni violinistiche contemporanee. Marco Fusi sceglierà, infine, una delle composizioni scritte all’interno della masterclass, da eseguire nel corso di un ulteriore concerto.Marco Fusi

Masterclass Alberto TRIOLA

Venerdì 5 dicembre 2014
Salone del Conservatorio, dalle ore 10 alle 16

L'ARTISTA PROFESSIONISTA, CONSAPEVOLEZZA ED IDENTITA'
masterclass di Alberto Triola
con la collaborazione del M° Ettore Papadia

La masterclass è rivolta agli allievi delle classi di Canto, nonché ai pianisti studenti che hanno effettuato attività di collaborazione pianistica nelle classi di Canto e che desiderano accompagnare in proprio il cantante. Il M° Papadia curerà l'aspetto musicale della masterclass e ascolterà eventuali allievi pianisti e/o pianisti-borsisti che vogliano perfezionare l’accompagnamento al pianoforte di determinati brani da loro proposti.

Alberto Triola è direttore generale del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino dall’aprile 2013 e direttore artistico del Festival della Valle d’Itria dal gennaio 2010. Impegnato stabilmente in campo teatrale e musicale da oltre un ventennio, dal 2002 si distingue come direttore artistico alla guida di teatri e festival italiani, firmando stagioni di riconosciuti successi che vedono la consacrazione di nuovi talenti vocali, registici e direttoriali, e il debutto in Italia di alcuni registi di fama internazionale.
triola

LA GRAMMATICA DEL RITMO

LA GRAMMATICA DEL RITMO
Laboratorio sull'uso del sistema ritmico indiano
a cura di PINO BASILE

Giovedì 20 novembre dalle 15 alle 18
Venerdì 21 novembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18
Sabato 22 novembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

Salone del Conservatorio

Il laboratorio si ispira alle suggestioni del "solkattu", un sistema didattico antichissimo e molto evoluto, alla base dell'educazione ritmica del sud dell'India, rivissuto attraverso la personale esperienza di Pino Basile.
Il materiale prodotto durante il corso verrà utilizzato in una sessione finale di musica d'insieme.
grammatica ritmo

Ben...essere

21 - 22 OTTOBRE 2014, Salone del Conservatorio,
a partire dalle ore 14

PERFORMANCE IN "BEN...ESSERE"
due incontri con il dott. Andrea Pandolfi sulla consapevolezza e la padronanza di sé attraverso tre momenti: informativo, formativo pratico, trasformativo.
L'incontro del 21 è riservato agli Studenti, quello del 22 ai Docenti.
benessere

Popular music

Giovedì 9  ottobre 2014 Salone del Conservatorio, ore 15,30

“POPULAR MUSIC” Cos’è e cosa non è. ... Lo stato dell’arte dopo 30 anni di studi sulla popular music

Conferenza/seminario tenuta dal Prof. Franco FABBRI, docente di “Popular music” e “Culture e tecniche del suono e della musica” presso l’Università di Torino, di “Economia dei beni musicali” presso l’Università Statale di Milano e di “Storia della popular music” presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma, punto di riferimento internazionale della ricerca e sistematizzazione degli studi sulla popular music. INGRESSO LIBEROPOPULAR

Fisiologia della voce e Dizione

lunedì 8, martedì 9 e mercoledì 10 settembre
con orario 9-14 la professoressa Giuppi Paone terrà un seminario su
Fisiologia della voce e Dizione (15 ore).
Il seminario è obbligatorio per le allieve del terzo anno del Corso
Triennale di Canto Jazz ed è facoltativo per gli allievi delle altre
annualità, anche se fortemente consigliato per gli argomenti trattati.
La frequenza è consentita a tutti gli allievi dei corsi Triennali e
Biennali del Conservatorio eventualmente interessati. Si prega in tal
caso di comunicare il proprio nominativo contattando direttamente la
Professoressa Paone al suo indirizzo email:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 La frequenza al seminario dà diritto a crediti formativi.voce

Seminari sugli abbellimenti

SAPONARA

 

Venerdì 12 settembre 2014 comincia il seminario GLI ABBELLIMENTI NELLA MUSICA PER TASTIERA DEL XVIII E XIX SECOLO, tenuto dal Prof. GIOVANNIi SAPONARA nell’ambito delle attività accademiche dell’annualità 2013/14.
Il seminario, che si svolgerà nei giorni 12 e 19 settembre e 10 e 17 ottobre – con orario dalle h.16 alle h.19 - nella sede dell’ENAIP, è destinato agli studenti dei corsi accademici, con possibilità di fruizione da parte degli studenti del percorso medio e superiore del vecchio ordinamento di Pianoforte, previa iscrizione comunicata prima della partenza del corso al docente stesso e alla Segreteria didattica.
Il seminario verterà sull’analisi della piccola ornamentazione nella produzione tastieristica del ‘700 e dell’’800, con particolare riferimento alle opere di J.S. Bach, Scarlatti, Mozart, Haydn e Clementi; ai principali trattati coevi e studi moderni; e alle tavole degli abbellimenti dei compositori del ‘700.

Debussy e il clarinetto

Claude Debussy e il clarinetto

27, 28, 29 ottobre 2014

salone del conservatorio Nino Rota

9.30-12.30 / 15.30-19.30

Masterclass con Michele Naglieri

30 ottobre 2014, ore 19.00

Seminario a cura di Galliano Ciliberti

Concerto dei migliori allievi della Masterclass

Progetto di Angelo Clemente e Giovanni Mastromarino

con la collaborazione di Giuliana Zito, Deborah Tarantini,

Sara Terzano e Laura Iacobelli

La Masterclass,  tenuta dal clarinettista Michele Naglieri, si svolgerà per tre giorni con Seminario – Concerto al termine di essa. Aperta agli allievi del Conservatorio del previgente ordinamento, corsi Accademici e pre-accademici, verterà sulla musica di C. Debussy.

Al concerto, preceduto da un seminario a cura del M° G. Ciliberti, accederanno due allievi scelti dal M° Naglieri, che eseguiranno il Petite piéce  e la Première Rhapsodie di C. Debussy nella versione per clarinetto, quintetto d’archi, flauto e arpa.

Pianisti collaboratori alla Masterclass

Loretta Tanzarella

Gianpaolo Argentieri

  

Michele Naglieri, classe 1979, nato nella provincia di Milano, si è laureato in Clarinetto col massimo dei voti e lode al conservatorio di Lugano.

Vincitore di vari concorsi internazionali:

-Concorso “Galbiati” per due anni consecutivi e “Beltrami”, entrambi indetti dal Conservatorio di Milano;

-I premio assoluto al concorso “Città di Grosseto”;

-I premio al concorso “Mercadante” di Noci;

-II premio al concorso internazionale “Città di Chieri”.

  E' risultato idoneo alle audizioni per le orchestre: Arena di Verona, Orchestra Regionale Toscana e Teatro alla Scala.

Vincitore del concorso per il posto di Primo clarinetto al Teatro Petruzzelli di Bari.

Dal 2000 al 2004 è stato Primo clarinetto dell’Orchestra Filarmonica del Conservatorio di Milano, suonando sotto la direzione dei maestri G. Gelmetti, R. Rizzi Brignoli, G. Khun, G. Rath ed altri.

  Dal 2000 suona come Primo clarinetto nell’orchestra “Milano Classica”, inoltre nelle orchestre de “I Pomeriggi musicali”, “Spira Mirabilis”, “I solisti di Pavia”, “Orchestra Maderna” di Forlì, “Orchestra da Camera di Mantova”, “Regionale della Toscana”, Orchestra “Haydn” di Bolzano e “Philarmonie de nationen” in Austria.

Primo clarinetto nell’Orchestra dell’Università Statale di Milano e di “ClassicaViva” di Milano.

  E' stato recentemente invitato a ricoprire il ruolo di primo clarinetto nell'orchestra Accademia nazionale di Santa Cecilia in Roma.

Dal 2003 è primo clarinetto nell’Orchestra Internazionale d’Italia con la quale ha suonato opere, sinfonie, galà lirico/sinfonici anche in veste di solista nei più importanti teatri asiatici, oltreché in Canada, Spagna e Grecia.

  In qualità di solista ha suonato con l' orchestra de “I Pomeriggi musicali” e in tale occasione ha suonato il primo concerto di C.M. von Weber e l'offertorium “Totus in corde langueo” di F. Schubert.

  Recentemente ha debuttato al Teatro Petruzzelli in veste di solita dove ha interpretato la “Prémiere Rhapsodie” per clarinetto di C. Debussy.

Ha suonato con solisti famosi come E. Dindo, L. Zilberstein, V. Mullova, K. Blacher, A. Lonquich, S. Bollani, P. Baermann, M. Vengherov.

  Ha inciso per la casa discografica Stradivarius, dove ha interpretato la Seconda sonata in mib maggior op.120 per clarinetto e pianoforte di J. Brahms e Prélude à l’aprés-midi d’un Faune di C. Debussy nella versione cameristica di A. Schoenberg.

Per Wide Classique ha inciso i Quintetti per pianoforte e fiati di Mozart e Beethoven, inoltre per Dynamic una dozzina di opere con l’Orchestra Internazionale d’Italia durante il “Festival della Valle d’Itria” a Martinafranca.

  

  Parallelamente alle attività strumentali, è molto attivo nel campo della composizione. Per l'orchestra Under 13, nata da un progetto presso la scuola “Ricordi music school” di Milano, trascrive, arrangia molti pezzi del repertorio classico sinfonico. Recentemente gli è stato commissionata una composizione per una mostra di Van Gogh tenutasi a Milano nel mese di Febbraio. Sempre per la stessa orchestra Under 13 ha trascritto dei brani di Vivaldi, Beethoven e Stravinskij eseguiti al Teatro alla Scala di Milano sotto la direzione del Maestro Marcello Sirotti (violoncellista della Scala).

Galliano Ciliberti si è laureato con il massimo dei voti e la lode in lettere presso l’Università degli Studi di Perugia con una tesi in Storia della Musica, ha conseguito il Dottorato in musicologia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Liegi (Belgio) ottenendo «la plus grande distinction» e il diploma di post-dottorato presso l’École Pratiques des Hautes Études di Parigi.

Membro di équipes di ricerche coordinate dalla Cattedra di Storia della Musica dell’Università di Perugia dal 1988 al 1998, direttore di 8 ricerche finanziate dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (1988-1996), nel 1997 è stato invitato dall’Unité d’enseignement et de recherche de Musicologie de l’Université de Paris-Sorbonne (Paris IV) a svolgere una indagine su: L’immaginario e il meraviglioso nella musica europea del Trecento. Successivamente ha ottenuto un assegno di ricerca post-dottorato (1999-2001) presso l’Università degli Studi di Pavia (Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona) lavorando ad un progetto di indagine sul Mecenatismo musicale a Roma nel xvi secolo.

Ha partecipato a numerosi convegni internazionali sia in Italia che all’estero, curando mostre (Firenze, Orvieto, Perugia, Foligno, lavorando a fianco di studiosi quali Franco Cardini e Kurt von Fischer), prendendo parte a giornate di studio, tavole rotonde, conferenze scientifiche e collaborando con importanti istituzioni culturali (Hochschule für Musik «Carl Maria von Weber» di Dresda, l’American Institute of Musicology, l’Internationale Stiftung Mozarteum di Salisburgo, l’International Musicological Society, l’Institut für Musikwissenschaft di Lubiana, le Centre d’Ètudes Supérieures de la Renaissance di Tour, le Centre de Musique Baroque de Versailles, l’Alamire Foundation di Lovanio, la Fondazione «Giovanni Pierluigi da Palestrina», la Fondazione «Donizetti» di Bergamo, la Fondazione «Ugo e Olga Levi» di Venezia, la Fondazione «Locatelli» di Cremona/Amsterdam, l’Associazione Culturale «Il Saggiatore musicale», l’Istituto Storico-Germanico di Roma, la Fondazione«Ezio Franceschini» - Sezione Musica «Matilde Fiorini Aragone», la Fondazione «Rossini» di Pesaro la Deputazione di Storia patria per l’Umbria, le Università di Bayreuth, Bergamo, Bologna, Bolzano, Calabria, Clermont-Ferrand, Indiana, Liegi, Paris IV, Pavia, Perugia, Salisburgo e Zurigo, i Conservatori di musica di Bolzano, Monopoli, Perugia e Vibo Valentia).

Il 25 gennaio 2001 ha ricevuto il Premio Bertini Calosso (edizione 1998-2000) della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria (riconoscimento assegnato ogni due anni per la migliore pubblicazione scientifica sulla storia regionale) come autore del volume: Musica e Società in Umbria tra Medioevo e Rinascimento, Turnhout, Brepols, 1998 («Speculum Musicae», V).

Attraverso edizioni critiche ha contribuito alla prima ripresa moderna di opere dimenticate di Abbatini, Berchem, Kerle, Morlacchi, Paolo da Firenze, Ugolini e Westerhout. Professore a contratto all’Università di Perugia (Facoltà di Lettere e Filosofia e Facoltà di Scienze della Formazione) è docente ordinario di Storia della musica per Didattica della Musica nel Conservatorio «Nino Rota» di Monopoli (Bari) e vive a Perugia.

Attualmente si occupa del rapporto tra musica e liturgia a Roma nel Seicento e sta scrivendo un libro sul Requiem di Mozart.naglieri web

POPULAR MUSIC

            Giovedì 9 Ottobre 2014 – Salone del Conservatorio “N. Rota” di Monopoli  - ore 15:30

                                                          

                                                            Seminario del Prof. Franco Fabbri:

“POPULAR MUSIC”

Cos’è e cosa non è.

Lo stato dell’arte dopo 30 anni di studi sulla popular music

Dell’’istituzione dei Corsi Accademici di I Liv. di “Popular Music” e “Musica Applicata”

presso il Conservatorio Musicale “N.Rota” di Monopoli

Conferenza/seminario tenuta dal Prof. Franco Fabbri, PhD all’Università di Huddersfield (GB), docente di “Popular music” e “Culture e tecniche del suono e della musica” presso l’Università di Torino, di “Economia dei beni musicali” presso l’Università Statale di Milano e di “Storia della popular music” presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma. Musicista (componente del gruppo Stormy Six – come autore, cantante, chitarrista – dal 1965) è stato tra i fondatori della IASPM (International Association for the Study of Popular Music). Commentatore e presentatore di programmi musicali alla RAI (Radio Due 21:29, Un certo discorso, Radio Tre Suite, Diario sonoro). È membro del comitato di redazione di Musica/Realtà (LIM), del comitato di consulenti della collana “Le Sfere” (LIM/Ricordi), ed è membro dell’editorial advisory board della rivistaPopular Music (Cambridge University Press) e della redazione della rivista online Radical Musicology (Newcastle-upon-Tyne). È condirettore della collana Routledge Global Popular Music.

È punto di riferimento internazionale della ricerca e sistematizzazione degli studi sulla popular music.POPULAR

MARC DUCRET IN CONCERTO

Giovedì 4 settembre 2014 – LABFEST 2014

Chiostro del Conservatorio, ore 21

Marc DUCRET solo

Marc DUCRET, chitarra elettrica

Marc Ducret è uno dei chitarristi più rappresentativi del panorama musicale contemporaneo, capace di spaziare dal free jazz all’avanguardia.

Autodidatta, comincia a suonare con gruppi di diverso genere, stimolato dall’interesse per diversi stili e strumenti (chitarra elettrica e acustica, oud, fretless, chitarra baritono) e diventa membro della prima Orchestra Nazionale Francese nel 1986. Con questa e con il suo trio suona in numerosi festival in Francia, Germania, Svezia, Italia, Africa, India e Giappone.

Ha collaborato con Larry Schneider, David Friedmann, Michel Portal, Joachim Kuhn, Franco Ambrosetti, Didier Lockwood, Eric Barret, Miroslav Vitous, Enrico Rava, Adam Nussbaum, Django Bates, David Sanborn, Joey Baron, Michel Godard, la band AKA Moon, Bobby Previte, Louis Sclavis e molti altri.

Ha creato l’ensemble “Seven Songs” che esplora con un tocco sperimentale le musiche degli anni Sessanta.

Il suo sodalizio più importante e continuo si è realizzato con il sassofonista Tim Berne.

INGRESSO LIBERO

Potrete ascoltare nuovamente Marc Ducret Sabato 6 settembre alle ore 21 nel Chiostro del Conservatorio,  sempre nell'ambito di Labfest 2014, in

PANJI conduction + Marc DUCRET ospite

Gianni LENOCI, direzione

Hocus Pocus Lab Orchestra

Marc DUCRET, chitarra elettrica

Opening: Giovanni CRISTINO “Concerto Sacro” per solo sintetizzatore

 Marc Ducret 01

Seminario di Marcello Piras

da Giovedi 4 a Sabato 6 settembre 2014
Salone del Conservatorio, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18
PRASSI ESECUTIVA NELLE MUSICHE AFROAMERICANE: IL RAGTIME
seminario a cura di Marcello PIRASpiras

MASTERCLASS DI ORGANO

MASTERCLASS DI ORGANO COL M°

MATTEO IMBRUNO

MONOPOLI (BA), dall’8 al 10 LUGLIO 2014

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

La Masterclass si svolgerà dall’8 al 10 luglio 2014 sul grande organo Zanin del Salone del Conservatorio “Nino Rota” con orario 9.30 – 13.00 e 15.30 – 20.00.

La partecipazione, oltre ad essere riservata agli studenti interni del Conservatorio “Nino Rota” è anche aperta a studenti esterni che potranno parteciparvi in qualità sia di allievi effettivi che di uditori, previo versamento di una quota di adesione pari a € 100,00 per gli effettivi e ad € 30,00 per gli uditori.

Il programma è a libera scelta.

La quota di iscrizione, non rimborsabile, potrà essere versata:

  • tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN:

IT 96 I 05385 41570 000002878873

  • oppure tramite versamento sul c/c postale numero 13800743 intestato a Conservatorio di Musica “Nino Rota” – Monopoli (BA)

Indicando in entrambi i casi come causale di versamento “Contributo master-class Imbruno” e se si partecipa in qualità di allievo effettivo o uditore.

Copia dell’attestazione di versamento dovrà essere inviata acclusa alla domanda di partecipazione.

ISCRIZIONE

Gli interessati dovranno fare pervenire la propria iscrizione entro il 15 giugno, specificando se intendono partecipare come allievi effettivi o uditori.

La domanda di iscrizione dovrà essere redatta secondo la scheda qui sotto , e corredata da:

  • copia dell’attestazione di versamento della quota di adesione.
  • generalità e curriculum vitae;
  • programma da suonare durante il corso;

e dovrà essere spedita a:

Conservatorio di Musica “Nino Rota”

Piazza S. Antonio n.27

70043 Monopoli (BA)

Tel. 080/9303607 – 080/4170791 – Fax: 080/9303366

oppure per posta elettronica all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DESCRIZIONE DEL GRANDE ORGANO A CANNE DEL

CONSERVATORIO “NINO ROTA” di MONOPOLI (BA)

Costruito dalla ditta Zanin nell’anno 2011, è ubicato sul piano calpestabile dell’aula.

Possiede due tastiere cromatiche di 61 tasti (Do1- Do6), pedaliera concava parallela di 32 pedali (Do1- Sol3), trasmissione meccanica per le tastiere e pedaliera, elettronica per i registri.

Lo strumento possiede, inoltre, 10 x 999 combinazioni aggiustabili, visualizzabili attraverso uno schermo luminoso posto frontalmente al centro della consolle fra il II manuale ed il leggio, attraverso il quale è possibile controllare anche l’uso del crescendo.

I comandi dei registri sono del tipo pomelli a tirante, collocati su quattro file, due sul lato sinistro della consolle, due sul lato destro secondo la seguente disposizione e numerazione:

LATO SINISTRO:                                                     LATO DESTRO: 

Fila esterna (G.O. I man.):      Fila interna (Unioni):    Fila interna (Pedale):   Fila esterna (Espr. II man.):

1 Bourdon 16’                         11 Unione I/P             14 Contrebasse 16’    20 Bourdon 8’

2 Montre 8’                             12 Unione II/P            15 Soubasse 16’         21 Gambe 8’

3 Prestant 4’                           13 Unione I/II              16 Bourdon 8’             22 Flute octaviante 4’

4 Doublette 2’                                                            17 Basse 8’                 23 Nazard 2, 2/3’

5 Forniture 4 f.                                                           18 Octave 4’               24 Flute 2’

6 Sesquialtera 2 f.                                                     19 Basson 16’             25 Tierce 1, 1/3’

7 Flute Harmonique 8’                                                                                  26 Plein jeu 2 f.

8 Flute 4’                                                                                                       27 Voix céleste 8’

9 Fagott 16’                                                                                                   28 Hautbois 8’

10 Trompette 8’                                                                                            29 Tremblant

ACCESSORI sul frontalino del G.O.

15 pistoncini:

Fissatore – (- del sequencer) – 10 combinazioni aggiustabili – (+ del sequencer) – Tutti – Annullatore generale

 ACCESSORI nella parte inferiore della consolle:

LATO SINISTRO: 4 pedaletti                             AL CENTRO: 2 staffe               LATO DESTRO: 2 pedaletti

I+Ped. – II+Ped. – II+I – (- del sequencer)      Graduatore – Espressione               (+ del sequencer) – Tutti

Al Direttore del Conservatorio di Musica “Nino Rota”

MONOPOLI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

ALLA MASTERCLASS DI ORGANO COL M° MATTEO IMBRUNO

MONOPOLI (BA), 8-10 LUGLIO 2014

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

Il/la sottoscritt___________________________________________

nat_ a__________________________   prov.___, il____________,

residente a____________________________________ prov.____, CAP________, in via____________________________________, telefono____________, indirizzo e-mail______________________,

CHIEDE

di essere ammess__ a partecipare in qualità di alliev__ effettivo/uditore* alla Masterclass tenuta dal M° Matteo Imbruno promossa dal Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dall’8 al 10 luglio 2014.

Allega i seguenti documenti:

  1. Attestazione quota di adesione;
  2. Breve curriculum vitae;
  3. Repertorio che si intende eseguire durante il Corso.

In fede, (luogo e data)_______________________

Firma____________________________________

*cancellare la voce che non interessa

MASTERCLASS DI ORGANO

MASTERCLASS DI ORGANO COL M°

FRANCESCO BONGIORNO

sul tema:

Il secondo romanticismo e la rinascita dell'organo in Europa. Il repertorio organistico a cavallo tra XIX e XX secolo con particolare riferimento a Max Reger

MONOPOLI (BA), dal 21 al 23 LUGLIO 2014

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

La Masterclass si svolgerà dal 21 al 23 luglio 2014 sul grande organo Zanin del Salone del Conservatorio “Nino Rota” con orario 9.30 – 13.00 e 15.30 – 20.00.

La partecipazione, oltre ad essere riservata agli studenti interni del Conservatorio “Nino Rota” è anche aperta a studenti esterni che potranno parteciparvi in qualità sia di allievi effettivi che di uditori, previo versamento di una quota di adesione pari a € 100,00 per gli effettivi e ad € 30,00 per gli uditori.

La quota di iscrizione, non rimborsabile, potrà essere versata:

  • tramite bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN:

IT 96 I 05385 41570 000002878873

  • oppure tramite versamento sul c/c postale numero 13800743 intestato a Conservatorio di Musica “Nino Rota” – Monopoli (BA)

Indicando in entrambi i casi come causale di versamento “Contributo master-class Bongiorno” e se si partecipa in qualità di allievo effettivo o uditore.

Copia dell’attestazione di versamento dovrà essere inviata acclusa alla domanda di partecipazione.

ISCRIZIONE

Gli interessati dovranno fare pervenire la propria iscrizione entro il 30 giugno, specificando se intendono partecipare come allievi effettivi o uditori.

La domanda di iscrizione dovrà essere redatta secondo la scheda in basso , e corredata da:

  • copia dell’attestazione di versamento della quota di adesione.
  • generalità e curriculum vitae;
  • programma da suonare durante il corso;

e dovrà essere spedita a:

Conservatorio di Musica “Nino Rota”

Piazza S. Antonio n.27

70043 Monopoli (BA)

Tel. 080/9303607 – 080/4170791 – Fax: 080/9303366

oppure per posta elettronica all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DESCRIZIONE DEL GRANDE ORGANO A CANNE DEL

CONSERVATORIO “NINO ROTA” di MONOPOLI (BA)

Costruito dalla ditta Zanin nell’anno 2011, è ubicato sul piano calpestabile dell’aula.

Possiede due tastiere cromatiche di 61 tasti (Do1- Do6), pedaliera concava parallela di 32 pedali (Do1- Sol3), trasmissione meccanica per le tastiere e pedaliera, elettronica per i registri.

Lo strumento possiede, inoltre, 10 x 999 combinazioni aggiustabili, visualizzabili attraverso uno schermo luminoso posto frontalmente al centro della consolle fra il II manuale ed il leggio, attraverso il quale è possibile controllare anche l’uso del crescendo.

I comandi dei registri sono del tipo pomelli a tirante, collocati su quattro file, due sul lato sinistro della consolle, due sul lato destro secondo la seguente disposizione e numerazione:

LATO SINISTRO:                                                     LATO DESTRO: 

Fila esterna (G.O. I man.):      Fila interna (Unioni):    Fila interna (Pedale):   Fila esterna (Espr. II man.):

1 Bourdon 16’                         11 Unione I/P             14 Contrebasse 16’    20 Bourdon 8’

2 Montre 8’                             12 Unione II/P            15 Soubasse 16’         21 Gambe 8’

3 Prestant 4’                           13 Unione I/II              16 Bourdon 8’             22 Flute octaviante 4’

4 Doublette 2’                                                            17 Basse 8’                 23 Nazard 2, 2/3’

5 Forniture 4 f.                                                           18 Octave 4’               24 Flute 2’

6 Sesquialtera 2 f.                                                     19 Basson 16’             25 Tierce 1, 1/3’

7 Flute Harmonique 8’                                                                                  26 Plein jeu 2 f.

8 Flute 4’                                                                                                       27 Voix céleste 8’

9 Fagott 16’                                                                                                   28 Hautbois 8’

10 Trompette 8’                                                                                            29 Tremblant

ACCESSORI sul frontalino del G.O.

15 pistoncini:

Fissatore – (- del sequencer) – 10 combinazioni aggiustabili – (+ del sequencer) – Tutti – Annullatore generale

 ACCESSORI nella parte inferiore della consolle:

LATO SINISTRO: 4 pedaletti                             AL CENTRO: 2 staffe               LATO DESTRO: 2 pedaletti

I+Ped. – II+Ped. – II+I – (- del sequencer)      Graduatore – Espressione               (+ del sequencer) – Tutti

Al Direttore del Conservatorio di Musica “Nino Rota”

MONOPOLI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

ALLA MASTERCLASS DI ORGANO COL M° FRANCESCO BONGIORNO

MONOPOLI (BA), 21-23 LUGLIO 2014

CONSERVATORIO DI MUSICA “NINO ROTA”

Il/la sottoscritt___________________________________________

nat_ a__________________________   prov.___, il____________,

residente a____________________________________ prov.____, CAP________, in via____________________________________, telefono____________, indirizzo e-mail______________________,

CHIEDE

di essere ammess__ a partecipare in qualità di alliev__ effettivo/uditore* alla Masterclass tenuta dal M° Francesco Bongiorno promossa dal Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli dal 21 al 23 luglio 2014.

Allega i seguenti documenti:

  1. Attestazione quota di adesione;
  2. Breve curriculum vitae;
  3. Repertorio che si intende eseguire durante il Corso.

In fede, (luogo e data)_______________________

Firma____________________________________

*cancellare la voce che non interessa

masterclass di oboe e concerto (2)

5, 6, 7 Giugno
Masterclass di Oboe
Francesco Di Rosa
Oboe Solista presso l’Orchestra
dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.
Concertista internazionale e
docente di Conservatorio.
Il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli
ospiterà per una masterclass, prevista nei giorni 5-6-7
giugno, il M° Francesco DI ROSA, già oboe solista dell’orchestra
del teatro alla Scala e attualmente presso l’orchestra
dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
concertista internazionale e docente di Conservatorio.
Nei giorni del master, la ditta Buffet Crampon presenta i
nuovi oboi. La masterclass, destinata a strumentisti
solisti e a gruppi di musica d’insieme per strumenti a fiato
anche esterni al Conservatorio, è così articolata: il 5
lezione di oboe, il 6 mattina lezione di oboe, pomeriggio
lezione di musica d’insieme, il 7 mattina lezione di oboe,
pomeriggio lezione di ance e concertazione. Le Lezioni
sono così articolate: due lezioni, della durata di un’ora
ciascuna, per allievo effettivo. Il numero massimo di
allievi effettivi è di sette unità. La quota di frequenza,
prevista solo per gli studenti esterni al Conservatorio, è di
€ 80 per gli effettivi e € 25 per gli uditori.
Per gli allievi interni, saranno riconosciuti crediti in
base alle ore svolte.
La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro sabato 31
maggio, indicando i nominativi del o dei richiedenti e il
programma da eseguire.
Si accettano iscritti esterni al Conservatorio
Sabato 7 giugno alle ore 20.30 nel Salone del Conservatorio,
è previsto il concerto finale della masterclass, in cui il
M° Di Rosa, accompagnato al pianoforte
dalla prof.ssa Loretta Tanzarella,
eseguirà musiche di R. Schumann, C.Saint-Saens , N.Rota.
 di rosa

Corso di Self-management

losurdo fotolosurdo1

La quota di frequenza, prevista solo per gli studenti esterni
al Conservatorio, è di € 60.
Per gli allievi interni, saranno riconosciuti crediti in base
alle ore svolte.
La domanda di iscrizione va inoltrata all’indirizzo:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
entro sabato 31 maggio, indicando i nominativi del o dei
richiedenti.
13

MASTERCLASS ERASMUS-TUBA (2)

Masterclass Erasmus

WALTER HILGERS, Tuba

 12-16 Maggio, Conservatorio Nino Rota, Monopoli.

Oltre ad essere famoso per il suo strumento, la Tuba, è conosciuto come membro e fondatore della German Brass.

  I lavori saranno coordinati dal M° Michele Cantatore e dal M° Domenico Tagliente.

E' consentita la frequenza di 5 studenti attivi esterni: la tassa di Iscrizione per gli esterni è di € 100, da versare  sul c/c/p 13800743 specificando la causale: Partecipazione a Masterclass.

  

Walter Hilgers received his musical education in the subjects of tuba, contrabass and piano. Engagements as a tuba player with, amongst others, the Philharmonic State Orchestra and the NDR Symphony Orchestra in Hamburg as well as with the Vienna Philharmonic Orchestra, soon followed. In addition, Walter Hilgers was also part of the Bayreuth Festival Orchestra for 12 years and was a founding member of the Ensemble German Brass, where he spent 25 years.

Between 1989 and 1995 he worked as a professor at the College of Music and Performing Arts in Hamburg, after which he was appointed Professor of Wind Chamber Music at the Franz Liszt College of Music in Weimar. To this day, he also directs the main class for the tuba here.

In the 30 years of his active orchestral career, this exceptional artist has played music under the likes of Claudio Abbado, Daniel Barenboim, Herbert von Karajan, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Georg Solti, Günter Wand and lots of others.

Working with such outstanding figures has had a significant impact on conductor Walter Hilgers. His being awarded a prize for best participant at the International Conductors Worksop in Košice, Slovakia in 1995 signalled the beginning of an intensive collaboration with the Košice State Philharmonic Orchestra that has lasted for many years. Guest conductorships have since brought him to the conductor's stand of numerous orchestras in Germany and abroad. In recent years, for example, he has been a regular guest at the Radio Symphony Orchestra and Radio Chamber Orchestra in Bucharest, the State Philharmonic Orchestras in Timişoara and Sibiu as well as at the Orchestre Philharmonique de Nice.

Other conducting engagements have taken him to the Zagreb Philharmonic Orchestra and the National Symphony Orchestra in Buenos Aires as well as to the conductor’s podium of the Brandenburg State Orchestra in Frankfurt (Oder) and the Munich Radio Orchestra in Germany.

Since the start of the 2007/08 season, Walter Hilgers has been Principal Guest Conductor at the State Philharmonic Orchestra in Timişoara, Romania.

WEB: http://www.walterhilgers.de/Index.php4tuba erasmus

ARCHIVIO ORAZIO FIUME

                     

La conoscenza e la valorizzazione delle fonti musicali e documentarie

per il progresso degli studi musicali

"dall'Archivio di Orazio Fiume"

SEMINARIO CON :

Prof. Giancarlo Rostirolla,

presidente dell'Istituto di Bibliografia Musicale di Roma

Martedì 15 aprile,

Salone del Conservatorio Nino Rota,

orario 9-13 e 17-19

Una giornata di studi dedicata alla conoscenza e alla valorizzazione delle fonti musicali e documentarie, tra cui l'Archivio di Orazio Fiume donato dalla famiglia al Conservatorio Nino Rota di Monopoli,

Agli studenti che parteciperanno all'intero seminario verrà riconosciuto un credito formativo

LABORATORIO DI EUFONIO

L’EUFONIO CHE AVANZA

LABORATORIO STRUMENTALE  CON I MAESTRI

GIUSEPPE CARBONARA E GIUSEPPE GUIDA

A PARTIRE DAL 24 MARZO 2014

DURATA COMPLESSIVA:40 ORE

Il corso si rivolge a tutti gli eufonisti, dai principianti ai professionisti, che si vogliono confrontare ma soprattutto approcciare ad una tipologia di studio non meramente finalizzato al suonare in banda, ma alla ricerca e alla scoperta di nuovi linguaggi espressivi, oltre che tecnici, che questo strumento è sicuramente in grado di offrire.

IL CORSO E’ GRATUITO PER GLI STUDENTI INTERNI

PER GLI STUDENTI ESTERNI LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE E’ DI 80 EURO.

ALLA FINE DEL CORSO IL CONSERVATORIO RILASCERA’ UN ATTESTATO DI FREQUENZA.eufonio

FLAUTISTA PAOLO TABALLIONE

Nei giorni 31 marzo, 1,2, 3 aprile 2014 si svolgerà una  masterclass del flautista Paolo Taballione, flauto solista della Bayerisches Staatsorchester di Monaco di Baviera . La masterclass è rivolta agli studenti interni del Conservatorio Nino Rota, con approfondimenti sui passi d’orchestra attualmente richiesti da orchestre italiane e straniere.

Il giorno 3 aprile alle 20.30, presso la chiesa di S.Antonio si terrà un concerto finale per festeggiare i 300 anni dalla nascita dei compositori C.W.Gluck e C.Ph.E.Bach.taballione1

Masterclass Erasmus Spagna

Dal Conservatorio «Óscar Esplá» di Alicante, Spagna, saranno nostri ospiti in mobilità Erasmus due docenti rispettivamente di pianoforte, Jesús María Gómez Rodríguez e di flauto, José Francísco Mira Marín.

Lunedì 17 marzo alle 20,30 si esibiranno in Duo nel Salone del Conservatorio con un programma rappresentativo delle opere spagnole più importanti per questo organico per poi proseguire nella giornata del 18 e nella mattinata del 19 mettendosi a disposizione dei nostri allievi per lavorare singolarmente sul repertorio

di questi due strumenti, prediligendo gli autori spagnoli.

 

 .la fotoFoto concert

Seminario organo e pianoforte

 SEMINARIO ORGANO E PIANOFORTE

 


… Così Lontani … Così Vicini

Mercoledì 12 Marzo, 26 Marzo, 9 Aprile, 30 Aprile, 14 Maggio e 28 Maggio ore 18:00 – 20:00 presso il Salone del Conservatorio. Solo il 9 aprile il seminario si sovlgerà dalle 16 alle 18.

 

.. Alla ricerca di nuovi spunti di interpretazione della musica pianistica partendo dagli insegnamenti della tradizione organistica. Tutti i partecipanti potranno suonare e proporre della musica che hanno in repertorio.

Docenti del seminario: M° Graziano Semeraro (docente di Organo e Composizione Organistica) e M° Marco Bisceglie (docente di Clavicembalo e tastiere storiche)

            

                          

Masterclass di Organo

Masterclass di Organo con il M° Arturo Sacchetti
dal 2 al 5 luglio 2013
Chiesa S, Francesco d'Assisi (2 e 3 luglio)
Salone del Conservatorio (4 e 5 luglio)
Scarica il Bando di partecipazione_pdf  - scadenza 29 giugno 2013

Masterclass di Flauto 2013

La masterclass tenuta dai maestri Bruno Cavallo e Giuseppe Dinardo si terrà con il seguente calendario:

9 maggio 2013 dalle ore 15 alle ore 19
10 maggio 2013 dalle ore 11 alle ore 18
11 maggio 2013 dalle ore 11 alle ore 18 - concerto finale alle ore 19,30 (Salone del Conservatorio)

Leggi tutto: Masterclass di Flauto 2013

Lennie Tristano C-Minor Complex

Sabato 1 Giugno alle ore 15 nel Salone del Conservatorio
Lennie Tristano

Workshop jazz con Marco Di Battista

Un seminario per esplorare la figura di un grande del pianoforte jazz con una delle personalità didattiche di maggior rilievo in Italia.
Marco Di Battista ha pubblicato un libro approfondito e dettagliato su C-Minor Complex, uno dei brani più importanti composti dal pianista Lennie Tristano. Il punto cruciale del lavoro è costituito dalla trascrizione e dall'analisi formale e strutturale del brano.

Masterclass di Direzione d'Orchestra

Masterclass del M° Wolfgang Kurz - dal 4 all'8 giugno in Conservatorio
Wolfgang Kurz

Programma di studio:

J.S. Bach: Suite n. 2 per orchestra in si minore BWV 1067
F.J. Haydn: Sinfonia n.85 “La Regina” in sib maggiore
F. Schubert: Sinfonia n. 5 in sib maggiore D. 485
I. Stravinsky: Concerto “Dumbarton Oaks” per orchestra da camera

Masterclass di Oboe

Di Rosa

Masterclass di oboe con il M° Francesco Di Rosa

6-7-8 giugno 2013

Leggi tutto: Masterclass di Oboe

Orundo Donax dalla nascita al suono

Locandina EVENTO Orundo Donax
19 febbraio 2013 - Salone del Conservatorio

L'incontro mira alla diffusione della conoscenza, attravesro la nota azienda Rico International, della evoluzione e produzione della canna Rico Reserve quale mezzo di riproduzione sonoro negli strumenti ad ancia semplice. Ci si avvarrà, inoltre, delle nuove imboccature per clarinetto Rico Reserve X, X5 e X10 e delle nuove imboccature della Pomarico Mouthpiece per clarinetto e saxofono.

h 14:00 - ERIK DENTI (Brand Manager RICO)
h 15:15 - GIORGIO CLERICI (General Manager POMARICO)
h 18:00 - GIORGIO TINELLI (International RICO artist and POMARICO endorser)

Performance di chiusura
F. Poulenc: Sonata
B. Kovacs: Shalom Aleichem
Gershwin/Mangani: Blues

Masterclass Dalibor Miklavčič

Masterclass del docente sloveno Dalibor Miklavčič

25 - 26 - 27 giugno 2012

"HIDDEN AUTHENTICITY IN ORGAN WORKS"
Le origini cembalistico-clavicordistiche  e pianistiche del repertorio organistico nel barocco e nell'era romantica.
 
analisi dei repertori di:
Buxtehude, Bruhns, Lübeck, Bach 
Schumann, Liszt, Brahms, Mendelssohn
Franck, Widor, Saint-Saens, Boellmann
Seminario e lezioni individuali per gli studenti di organo, cembalo, pianoforte.

Leggi tutto: Masterclass Dalibor Miklavčič

Masterclass di strumenti a percussione

percussioni
La storia, le origini, l'evoluzione e la costruzione del tamburo
con Nicola Monari

lunedì 2 aprile 2012 ore 15 - 20, martedì 3 aprile 2012 ore 10 - 13
presso il Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli - Locandina pdf_small.gif  

Masterclass con Paolo Bordoni

Nero-sfondo-trasparente

 Salone del Conservatorio 

lunedì 20 febbraio 2012 ore 19.00 conferenza-concerto di Paolo BORDONI sulla Sonata n.1 op.11 di Robert Schumann 

mercoledì 22 febbraio 2012 ore 19.00 concerto dei pianisti frequentanti la MasterClass di Paolo BORDONI

su Pianoforte YAMAHA GranCoda CFX

CFX

MasterClass orari delle lezioni: 

lunedì 20: h. 9-13/15-18 - martedì 21: h. 9-13/15-19 mercoledì 22: h. 9-13/15-18

Bordoni_foto   Curriculum di Paolo Bordoni doc_small.gif

Masterclass di Oboe e Musica da camera

con il docente Ayşe Sezer (Università Aknediz di Antalia)

presso il Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli:
21 - 25 febbraio 2011 - scarica la brochure doc_small.gif 148.00 Kb  

AYSE_SEZER_Kucuk  CV_Ayşe Sezer doc_small.gif 26.00 Kb

Masterclass di Flauto

con il docente Carlos Bruneel (Conservatorio di Musica di Bruxelles)

Lezioni: 12 e 13 gennaio 2011 ore 9,30 - 12,30 / 14,00 - 17,00
presso il Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli

carlos_bruneel CV_Carlos_Bruneel.doc doc_small.gif 30.50 Kb

Chamber Music and Piano Masterclass 2010 - 3^ edizione

Konstantin Bogino

Masterclass di pianoforte e musica da camera con pianoforte
Lezioni e concerto finale dei corsisti

21-22-23 dicembre 2010    Masseria Spina - viale A. Moro - Monopoli

loc_bogino